Graffignano rende omaggio al Carabiniere eroe. L’Amministrazione comunale accogliendo la proposta della locale Associazione nazionale Carabinieri intitolerà la Sala consiliare del Comune di Graffignano all’appuntato ALCIBIADE CAVALIERI, medaglia di bronzo al valor militare, ucciso a Monte Compatri il 22 maggio 1922 durante gli scontri tra fazioni contrapposte di fascisti e socialisti.

Alcibiade Cavalieri era nato a Graffignano il 29 aprile 1888, era un appuntato della Legione Carabinieri di Roma che si trovava in servizio a Monte Compatri il 21 maggio 1922 quando intervenne per sedare una rissa tra fascisti e socialisti. Un colpo di pistola esploso dai contendenti lo colpì a morte.

L’anno successivo gli fu conferita la medaglia di bronzo al valor militare alla memoria perché “Spinto da sentimento generoso e altruistico
con ardimento e coraggio accorse per sedare un violento conflitto per tra socialisti e fascisti ma investito malauguratamente da un colpo di
rivoltella esploso dai contendenti pagò con l’esistenza l’attaccamento al proprio dovere”.

Nessun colpevole fu individuato per l’uccisione dell’appuntato Alcibiade Cavalieri. I fascisti trovati in possesso di armi e gli operai socialisti coinvolti nei tafferugli arrestati quel giorno furono ammnistiati con regio decreto nel dicembre 1922.

Domenica 22 maggio, nel Centenario della morte, alle ore 17:00 il Comune di Graffignano celebrerà il sacrificio del suo concittadino apponendo una targa nella Sala del Consiglio comunale che sarà dedicata così all’appuntato dei Carabinieri Alcibiade Cavalieri.

Alla cerimonia saranno presente il nipote, autorità cittadine, il colonnello Andrea Antonazzo, Comandante provinciale dei Carabinieri di Viterbo, i rappresentanti dell’Associazione nazionale Carabinieri.

Articolo precedenteFdI: Rinviato l’incontro con Guido Crosetto
Articolo successivoVola alto l’Atletica Alto Lazio nei Campionati Italiani di società fase regionale, 5^ nel maschile e 7^ nel femminile