Tutto pronto per la sagra del Cinghiale. Al fresco del Poggio del Castagno di Sipicciano, comune di Graffignano, sabato 30 e domenica 31 luglio si rinnova l’appuntamento con uno degli eventi enogastronomici più attesi della provincia.

La manifestazione, organizzata dall’associazione cinghialari Graffignano, celebra quest’anno la sedicesima edizione e, da un anno all’altro, è stata è in grado di attirare un numero sempre crescente di visitatori, grazie alla bontà della proposta culinaria e dell’impeccabile servizio.

Per motivi organizzativi, quest’anno la sagra è stata spostata da Graffignano a Sipicciano, a soli 5 chilometri di distanza, nell’ampia località del  Poggio del Castagno, al confine tra Lazio ed Umbria e a pochi chilometri dal casello autostradale di Attigliano.

Invariati però sia la bontà dei piatti proposti che il sistema di ordinazione self-service in grado di garantire un servizio rapido e senza attese: punti di forza che rappresentano l’elemento vincente dell’iniziativa.

Tantissime le specialità realizzate secondo le antiche ricette locali dagli stessi cinghialari e dai loro familiari: pappardelle al cinghiale, gnocchetti al cinghiale e tartufo, spezzatino di cinghiale al ragù e all’agro, salsicce e braciole di maiale o cosci di pollo alla brace per chi non ama la carne di cinghiale.  

Per allietare le cene sotto le stelle ogni sera sarà presente un gruppo che proporrà musica dal vivo e balli di gruppo.

Un evento insomma da non perdere: il 30  e 31 luglio al Poggio del Castagno di Sipicciano.

Per info: 339-5728808; 348-2516356

Articolo precedenteCivita Castellana, Carrisi: “Il Comune promuoverà la costituzione delle Comunità energetiche rinnovabili (CER)”
Articolo successivoProcenando: un percorso di gastronomia, spettacolo e bellezza