ISCHIA DI CASTRO – Ad Ischia di Castro ci si appresta ad aprire la stagione dedicata al pellegrinaggio al Santuario del SS. Crocifisso. Il modesto santuario del Santissimo Crocifisso è situato sulla Via Castrense, poco lontano dalle rovine della cittadina di Castro, rasa al suolo durante la famosa “Guerra di Castro”.

Le celebrazioni quest’anno si svolgono a partire dal 2 giugno 2018 per concludersi a settembre.

Questo il programma:

Sabato 2 giugno
Ore 15.00 Apertura del Santuario
Ore 17.00 Celebrazione eucaristica
Ore 21.00 Accoglienza dell’immagine della Madonna di Loreto portata dall’UNITALSI di Ischia di Castro

Sabato 9 – 16 – 23 – 30 giugno
Ore 18.00 Celebrazione Eucaristica

Domenica 3 – 10 – 17 – 24 giugno
Ore 7.30 – 9.00 – 11.00 – 18.30 Celebrazione Eucaristica

Domenica 24 giugno
Ore 9.00 Celebrazione Eucaristica presieduta dal Vescovo di Viterbo Lino Fumagalli.

Da domenica 1 luglio al 12 agosto
Ore 11.00 Celebrazione Eucaristica
Ore 17.00 Celebrazione dei Vespri
Ore 17.30 Celebrazione Eucaristica

Venerdì 14 settembre
Ore 15.30 Adorazione Eucaristica
Ore 16.30 Celebrazione dei Vespri
Ore 17.00 Celebrazione Eucaristica
Ore 21.00 Fiaccolata verso il Santuario, momento di preghiera, chiusura del santuario

La storia del Santuario
Una leggenda narra che i soldati che demolirono Castro, poco fuori di quella che era stata la porta del ghetto, risparmiarono un masso a forma di parallelepipedo triangolare che, sulla facciata rivolta a mezzogiorno, aveva dipinta l’immagine del Crocifisso. Sulle altre facciate erano dipinte la Madonna del Carmine – e S. Antonio da Padova. Il masso si trovava al centro di un trivio, sicché da ognuna delle strade si poteva vedere una delle nicchie dipinte. Nonostante i ripetuti tentativi, i soldati si trovarono impossibilitati da una misteriosa forza ad eseguire il loro sacrilego compito. L’episodio fu interpretato come evento miracoloso presso la popolazione locale, e il luogo divenne meta di devoti pellegrinaggi.

Nel 1747, a parziale protezione del masso triangolare del Crocifisso di Castro, venne costruita una piccola cappella ed un altare. Ma solo nel 1870, visto il grande afflusso di fedeli, venne eretto un edificio di semplice architettura: quattro pareti sostenenti un tetto a una capriata. Nel 1967 il Santuario fu ulteriormente ampliato: fu aperta la cantoria di prospetto all’altare e completato l’edificio annesso al Santuario per ospitare la moltitudine di devoti che affolla il sacro luogo nel corso dal mese di giugno.

Per le confessioni saranno a disposizione diversi sacerdoti. Per i pellegrinaggi organizzati nei giorni feriali, rivolgersi a don Luigi Fabbri (rettore del Santuario) al 347 2114399 o donluigifabbri@gmail.com. Per ulteriori informazioni www.santuariosantissimocrocifissocastro.it
Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email