Dopo il successo degli anni passati, il Teatro Studio di Grosseto torna al Parco di Vulci con tre spettacoli: Iliade, La Pace e Migrazioni

Anche quest’anno il Comune di Montalto di Castro e il Parco Naturalistico Archeologico di Vulci puntano sulla professionalità della compagnia Teatro Studio di Grosseto per vivere il Parco in modo nuovo e suggestivo con la Rassegna Vulci…che spettacolo!, tre spettacoli in programma nel mese di luglio, che hanno ottenuto il contributo della Regione Lazio.

Tre spettacoli in cui il fascino della natura e delle rovine del Parco fanno da cornice scenografica alle rappresentazioni creando un’immersione totalizzante nel filo del racconto.

Si parte domenica 7 luglio alle ore 18:00 con l’ “Iliade”, libero adattamento da Omero ed Euripide per la regia e drammaturgia di Mario Fraschetti e Daniela Marretti. Futuro, passato e presente si mescolano nella rete drammaturgica. Immagini, quadri viventi, in una messa in scena estremamente stilizzata, in cui la storia della guerra di Troiana si erge a dramma di tutte le guerre. Ritmi, vocalità e canto sono interamente affidati agli attori.

Domenica 14 luglio alle ore 18:00 andrà in scena La Pace, libero adattamento dalla commedia di Aristofane.
Teatro Studio, attraverso una recitazione grottesca e caricaturale, riesce a cogliere la tensione satirica propria della Commedia Antica, per uno spettacolo dalla comicità irresistibile.

Domenica 28 luglio alle ore 18:00, Teatro Studio chiude con “Migrazioni. Storie di donne, uomini e destini”, liberamente tratto da “L’ultimo viaggio di Sindbad” di Erri De Luca e inserti da Agamennone di Eschilo, Le troiane e Medea di Euripide.

Mare, viaggi, rotte, arrivi e partenze. Racconti senza tempo, che presi in brevi attimi, risuonano al presente. La performance si sviluppa secondo uno schema non convenzionale e rinuncia alla struttura drammaturgica, servendosene soltanto sottotraccia. Un capitano di vascello che accoglie clandestini, il pubblico stesso, Clitemnestra Ecuba, Ionà, Medea. Polidoro, stranieri, respinti, profughi e reietti, illacrimati , insepolti.

Lo spettatore viene accolto e guidato “nel tempo e nello spazio”, tra presente e passato, nell’eterno migrare dell’uomo, tra personaggi – donne uomini, fanciulli – e storie, storie di viaggi, di vite, di avventure.

Biglietto unico € 10,00 gratuito per minori di 14 anni

Appuntamento alla biglietteria del Parco

Info: 0766 870 115 – 0766 870 179

[email protected] – www.vulci.it

Commenta con il tuo account Facebook