«Con molta soddisfazione ho appreso poco fa, dai legali del Comune, la notizia che il Tar Lazio ha respinto la richiesta di sospensiva avanzata da Enel nel ricorso promosso avverso l’ordinanza di demolizione della ex Centrale nucleare. Manca ancora molto prima di vedere finalmente il nostro territorio tornare ai vecchi splendori e restituire ai cittadini di Montalto e Pescia il paesaggio che si meritano, ma siamo sulla buona strada».

Queste le prime considerazioni del sindaco di Montalto di Castro, Sergio Caci, alla notizia dell’esito della camera di consiglio che si è tenuta ieri innanzi al Tar Lazio. «Come amministrazione comunale è da 4 anni che abbiamo intrapreso un’azione di tutela e di salvaguardia del patrimonio paesaggistico comunale, andando a verificare la legittimità di tutti quei complessi industriali presenti che, direttamente o indirettamente, andavano a compromettere la sua completa fruizione da parte dei cittadini e dei numerosi visitatori/ villeggianti che ogni anno ci fanno visita.

Un percorso lungo e ad ostacoli in cui tutti gli enti chiamati in causa si sono tirati fuori dichiarando di non essere competenti in materia. A quel punto avevamo due possibilità: arrenderci o andare avanti. Grazie all’ottimo lavoro degli uffici tecnici, cui va il mio personale ringraziamento – aggiunge il sindaco – non abbiamo demorso e tutti uniti siamo andati sino alla fine con l’emissione dell’ordinanza di demolizione. Oggi il Tar Lazio certifica, seppur in modo non definitivo, che avevamo ragione noi: il relitto della ex centrale nucleare va demolito, non ha più alcuna ragione di rimanere dov’è.

Siamo consapevoli – prosegue Caci – che Enel cercherà di far valere le proprie ragioni innanzi al Consiglio di Stato, già in questa fase cautelare, ma al contempo non desisteremo nella consapevolezza di avere delle valide ragioni da spendere anche in fase di appello. Comunque, in altri contesti la collaborazione con Enel prosegue: solo in termini di tempo ricordo la firma dell’accordo di sostenibilità tra il nostro comune e la società.

In ultimo – conclude Caci – voglio ringraziare sentitamente il mio vicesindaco, Luca Benni che, nel periodo in cui mi ha sostituito, ha mantenuto ferma la linea dell’amministrazione comunale, il Dott. Andrea Talenti per il prezioso supporto tecnico e lo Studio Legale AOR Avvocati, nella persona dei soci Angelo Annibali, Marco Orlando e Andrea Ruffini, che fin dall’inizio ha affiancato in prima linea il Comune in questo difficile giudizio sino all’ottimo risultato di oggi».