Riprendono Giovedì 1 agosto, ore 21.30, le conferenze nella Lizza della Torre di Dante, con i sub dell’ASD Assopaguro di Montalto di Castro e Vittorio Gradoli, “La descrizione della costa di Montalto di Castro e Tarquinia in un portolano di fine ‘700”.

Ad oltre 200 anni dal suo completamento, torna alla luce dai depositi dell’archivio di Stato di Roma il “Portolano della spiaggia romana”, redatto sotto forma di manoscritto da Angelo Costaguti, Ufficiale della Marina Pontificia. L’archivio di Stato in collaborazione con la Rivista Marittima, ha deciso di pubblicare l’opera, una attenta descrizione dei fondali della costa laziale, dei porti e degli scali minori indispensabile punto di riferimento per i naviganti dell’epoca. Nel portolano in questione c’è però di più: un meticoloso resoconto dei toponimi, dei paesi, dei suoi abitanti e delle economie dei luoghi descritti, quindi, esso rappresenta una preziosa testimonianza storica.

Vittorio Gradoli illustrerà la costa e i luoghi descritti nel documento compresi tra Montalto di Castro e Tarquinia, sottolineando mutazioni e perdite talvolta anche drastiche, intervenute negli ultimi decenni.

“Tra Terra e Mare. Ricerche archeologiche e ricognizioni subacquee lungo la costa tirrenica e nel Mediterraneo” si svolge con il sostegno del MIBAC e della ASD Assonautica di Tarquinia “G. Maffei”, con il patrocinio dell’Ente Università Agraria di Tarquinia e in collaborazione con l’Università di Napoli “Federico II”, l’Università degli Studi della Tuscia di Viterbo, l’ASD Assopaguro di Montalto di Castro e Società Storica Civitavecchiese.

Commenta con il tuo account Facebook