MONTEFIASCONE – Pienone alla sede montefiasconese di ”Fratelli d’Italia” per la presentazione della candidatura alle elezioni regionali di Massimo Ceccarelli, che per la prima volta in assoluto potrebbe dare alla città di Montefiascone un candidato al Consiglio Regionale. L’amministrazione compatta ha dato man forte con la sua presenza e in modo particolare il consigliere Sandro Leonardi e l’assessore Paolo Domenico Manzi hanno spinto affinché Ceccarelli accettasse la candidatura.

Il sindaco Massimo Paolini, che a suo fianco ha vissuto mille battaglie, ha auspicato una campagna elettorale leale, dove a farla da padrone siano le argomentazioni e non gli attacchi personali, denunciando il fatto che c’è chi, tra i candidati in lizza, ha già cominciato a utilizzare spiacevoli strategie. Giampiero Monti, candidato al Senato dopo una vita trascorsa nell’esercito che l’ha portato a partecipare a molte missioni in Paesi che ora sono punto di partenza dei migranti rischiando in varie occasioni la vita, ha spiegato la sua candidatura con la volontà di contribuire a far valere i diritti dei cittadini, spesso messi in secondo piano ”mentre ora c’è chi lucra sul buonismo, contribuendo a uno sfascio sociale che deve essere opportunamente emarginato”.

La senatrice Laura Allegrini, alla luce della sua ricandidatura, ha ribadito il suo amore per un territorio che sente suo e che merita di uscire da una crisi che può essere superata ”soltanto con le ricette giuste. Fratelli d’Italia mette al centro la famiglia e la natalità, ribadendo un no chiaro all’islamizzazione, per apportatrice di valore incompatibili con quelli della nostra democrazia”, affermando che la presenza di Ceccarelli alla regione potrà essere determinante per ridare nuova vitalità alla Tuscia.

Dello stesso parere Mauro Rotelli, candidato uninominale alla Camera: ”Si tratta di un’occasione strepitosa di riscatto: questa città possiede delle eccellenze che meritano di essere più conosciute sia nel resto d’Italia che all’estero. Questo avrebbe una ricaduta molto positiva sui fatturati, il che di conseguenza permetterebbe di migliorare la condizione di tutta la cittadinanza”.

”Sento grande affetto attorno a me – dichiara Massimo Ceccarelli – questo da una parte mi fa emozionare come un ragazzino, dall’altra mi dona una grande forza. Siamo una grande squadra, il mio messaggio è che questa occasione, al di là del colore politico, si tratta di un’occasione per tutti i cittadini: quando vado in Regione trovo un ambiente freddo e chiuso, vorrei cambiare questo atteggiamento e renderla un ente non ostile ma amico delle realtà locali. Per amore del mio territorio e per la volontà di aiutarlo a sviluppare appieno il suo potenziale, ho accettato di intraprendere questa bellissima sfida”.

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email