etruria

Una gara tirata, dalle tante emozioni quella che hanno potuto vedere i circa ottanta spettatori dalle gradinate dello Stadio delle Fontanelle, dal fondo non in perfette condizioni, in una mattinata dalla temperatura piuttosto bassa, sotto un cielo velato con momentanee apparizioni di un tiepido sole.

Una gara ipotizzata molto difficile per il Montefiascone costretto a scendere in campo con una formazione molto rimaneggiata per l’assenza di alcuni giocatori di rilievo come Minciotti, Renzi, Zolla, Frateiacci, Panichi, e Delle Monache nonché lo stesso allenatore; di contro una gara apparentemente facile per l’Aranova che scendeva in campo con un buono organico e, dopo la vittoria in casa del Corneto, voleva ripetere quel positivo risultato. Il campo, che è sempre l’elemento chiave che da risposta ufficiale ad ogni gara, ha sancito ben altra situazione.

La formazione locale, consapevole della sua situazione ed imbottita di giovani è scesa in campo con l’intento di limitare i danni; di contro, l’Aranova, con il vento in poppa, dava per scontato e vedeva già i tre punti nel proprio paniere.

Avviata la gara, la formazione ospite di mister Bernardini, prendeva in mano le redine del gioco, mettendo in soggezione quella locale, proiettandosi in avanti alla ricerca della rete che puntualmente arrivava, al decimo, per opera di Moretti. Doccia fredda per tutti, formazione locale in campo e spettatori sulle tribune. La buona formazione dell’Aranova, avendo compreso la difficoltà della formazione locale che appariva piuttosto lenta, in difficoltà, quasi incapace di reagire, insisteva nella sua azione, sorretta dalla propria tifoseria molto attiva, così, dopo circa dieci minuti, al ventitreesimo, complice l’estremo difensore locale Silvestri che si faceva sfuggire di mano un innocuo pallone, sul quale si avventava Moretti e raddoppiava per i suoi.

L’aria si faceva pesante e la goleada degli ospiti sembrava imminente: nulla, di tutto questo. La formazione locale, tuttavia, sorretta dai propri tifosi, cercava di reagire e, intorno al trentacinquesimo, su regolarissima bell’azione d’attacco, accorciava le distanze, ma, con un intervento infelice, il segnalinee Gamboni, alzava la bandiera, attirandosi tutte le ire dei tifosi locali mentre, l’arbitro Prencipe annulava il regolarissimo goal. Ora, per la formazione locale, alla precarietà della formazione, si aggiungeva la beffa. Al quranteseesimo, dopo un minuto di recupero, tutti a prendere un te caldo con il bugiardo risutato di due a zero per la fomazione tirrenica di mister Bernardini.

Al ritorno in campo, per la seconda frazione di gara, la strategia di gioco non mutava con l’Aranova alla ricerca della terza rete mentre il Montefiascone, contrariamente a quanto fatto nella prima frazione di giuoco e cogliendo tutti di sorpresa, reagiva, dava cenno di volersi riscuotere, alzando il baricentro della squadra e rendendosi più intraprendente in avanti, così, al ventisettesimo, con Davidenkvos, segnava la sua prima rete che faceva morale sia per gli atleti in campo che per i tifosi, riaprendo la gara. Il cronometro scorreva via inesorabilmente e, negli ultimi dieci minuti, i due mister effettuavano un giro di sostituzioni delle quali ne beneficiava maggiormente la formazione locale.

Al qarantaduesimo, Cirica-Musella, oggi in panchina, in sostituzione di Centaro fuori, tentavano il tutto per tutto e mandavano in campo il giovane attaccante Medori che, al quarantaseesimo, primo dei quattro di recupero, segnava la seconda rete per i suoi, portando la formazione locale al pareggio. Alla grande in aspettata rimonta del Montefiascone è seguita una delusione dell’Aranova; ma il calcio è anche questo.

Un punto che, per come si era messa la gara, poteva sembrare inapettibile e forse è poco, ma sicuramente dice molto nel paniere della formazione del patron Minciotti. Un risultato di parità che, con meno sviste del guardalinee, poteva essere anche diverso.

 

Montefiascone: Silvestri; Citilica, Nardecchia; Selvi, Buratti, Jadama; Battisti, Karafili, Davidenkovs, Rocchetti, Chiarolanza. A disp.: Chicca, Santos, Brachino, Capoccia, Guidozzi, Medori, Moscetti, Musella, Vittori. All. E. Centaro.
Aranova: Ceccucci; Urbani, Monfreda; Mancini, Filippi, Tartaglione; Morasca, Savarino, Italiano, Rosati, Moretti. A disp.: Comadini, Giustini, De Maio, Gritta, Sibilio, Fossaceca, La Ruffa, Zanella, Mariani. All. E. Bernardini.
Arbitro: Sig. A. Prencipe di Tivoli; Ass.ti Risa e Gamboni
Marcatori: 10° e 23° pt Moretti(A); 27° st Davidenkovs(M), 46° st Medori(M).

 

Pietro Brigliozzi