MONTEFIASCONE – Cosa dire della gara? Il Montefiascone elabora una grande gioco, mette in campo una manovra positiva, ma in fase di realizzazione, i suoi attaccanti non sono lucidi su come finalizzare a rete la manovra ben orchestrata dal centro campo fino all’area di rigore.

Mancata finalizzazione dovuta, almeno da quello che si vede sul campo, per troppo possesso individuale del pallone all’interno dell’area, per poca freddezza e convinzione di tirare a rete, per poca furbizia e scaltrezza nel scegliere il modo migliore di calciare a seconda dell’occasione che si presenta.

La gara, da parte delle due formazioni, fin dall’inizio, è stata combattuta, discretamente corretta, piacevole nelle manovre, anche se, la formazione di mister Siddi, ha avuto sempre in mano il pallino del gioco e la possibilità di passare, almeno in due limpide occasioni, senza dimenticare la più ghiotta, quella al quarantacinquesimo, quando, a due passi la linea di porta, con l’estremo difensore Crocetti, seduto a terra e la porta completamente libera, per il troppo cincischiare e per la troppa indecisione e lentezza nel tirare a rete, è svaniva nel nulla. Anche gli ospiti avevano avuto almeno due limpide occasioni neutralizzate da Bellacanzone.Tutti al riposo sul risultato di parità, zero a zero.

Al ritorno in campo, per la seconda frazione di gioco, la tattica di gioco delle due formazioni non mutava, anzi erano i locali a farsi più ardimentosi, con un baricentro della squadra più alto, quasi a centro campo, spinti in avanti alla ricerca della rete che però, sempre per la poca capacità degli attaccanti, finivano sempre nel nulla di fatto mentre la formazione di mister Spina rispondeva in contropiede.

Poi, nel momento di maggior spinta in avanti dei locali, al ventunesimo, su azione di contropiede, la difesa si faceva trovare troppo alta, impreparata con lo stesso Bellacanzone completamente fuori porta e subiva la rete da parte dell’attante Vittorini M.. Praticamente si è verificata la stessa situazione della gara con l’Aranova. Subita la rete, i ragazzi di Siddi insistevano in una sterile manovra senza premere, con la dovuta inventiva verso la porta difesa da Crocetti per trovare il pareggio. Al quarantacinquesimo, il direttore di gara, Cioccia, concedeva alla formazione locale, un giusto calcio di rigore per fallo in area piccola ed ammoniva l’autore, Ghezzi. Sul dischetto andava Nami che metteva la palla in rete con un tiro centrale ma pieno di effetto sul quale, Crocetti, nulla poteva, intanto sugli spalti, specialmente dai tifosi del Capranica, veniva un lunga e reiterata serie di inventive di pessimo gusto contro il direttore di gara ed i suoi collaboratori. Al triplice fischio finale tutti sotto la doccia sul risultato di parità, uno ad uno. La tifoseria ospite non accettava la decisione arbitrale e, dagli spalti, insisteva nel suo comportamento, anzi accentuava il proprio dissenso con frasi pesanti per parole e contenuto anche nei confronti del tecnico Siddi, nonché nei confronti dei giornalisti presenti che, per effettuare le loro interviste di rito, dovevano ricorrere alla forza pubblica, prontamente intervenuta sul posto.

Mister Siddi?! si produce molto gioco, ma è ormai assodato che negli ultimi metri gli attaccanti non finalizzano. La gara di oggi, quasi fotocopia di quella perduta con l’Aranova?!
Va bene, voi insistete su questo tema, ma la gara, anche oggi come con l’Aranova, l’abbia fatta noi. La squadra gioca bene, esprime un bel gioco, fa divertire il pubblico. Tenete presente che abbiamo una squadra di giovani che devono maturare, ed a volte, peccano di inesperienza. Oggi avevamo di fronte Il Capranica, una grande squadra, per cui non è che giocare bene era così semplice come si pensa dall’esterno.

Mister, ma nel calcio il bel gioco dice poco, ciò che conta sono le reti segnate ed i punti che si accumulano in classifica. Giocare bene e perdere, esperienza dello soro anno si retrocede, giocare male e vincere si va avanti!
In una filosofia spicciola va bene così, ma non sempre questa filosofia è giusta e quella calcistica. Credo che bisognerebbe coniugare le due cose. Speriamo di poterlo fare quanto prima, d’altra parte nella settimana si lavora per migliorarci, prima o poi arriveremo a questi livelli, c’e lo ripromettiamo, è nostro dovere, per la soddisfazione di tutti, giocatori, tifosi e stampa.

Mister Oliva! una gara forse dal risultato inaspettato?
Una bella gara, oggi avevamo una panchina corta, eravamo carenti di alcuni giocatori essenziali come Pagano, Ferrari, Brunetti, l’altra Vittorini, Manuel. Prendere un goal su calcio di rigore, in estremo, come oggi, non è possibile e, secondo noi non si sarebbe dovuto dare, Il direttore di gara è stato troppo fiscale. La gara è stata molto equilibrata e decisa da due episodi, con il rigore molto discutibile.

Gimelli in difesa è una garanzie!?
La validità e le capacità di Gimelli non si discutono. E’ un buon giocatore, una pedina chiave della difesa, sa difendere ma anche organizzare le ripartenze.

Brigliozzi Pietro

1 Montefiascone: Bellacanzone; Zolla, Bellacima; Faina, Zappalà, Fraghì; Cesarini, Luperto, Panichi, Nami, Minciotti. A disp.: Caselunghe, Brachino, Buratti, Cannavacciolo, Chiarolanza, Frateiacci, Selvi. All. L. Siddi.

1 Capranica: Crocetti; Zega, Ghezzi; Gimelli, Oriolesi, Del Nero; Luzzitelli, Federici, Foglietta G., Ravoni, Foglietta M.. A disp.: Campanile, Scorzoso, Magda, Vittorini, Di Benedetto. All. Spina

Arbitro: Cioccia di Tivoli, Ass.ti Bianchi e Mattiacci

Marcatori: 21°st Vittorini M.(C), 45° st r Nami(M)

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email