Sabato 7 gennaio, dalle 10, all’auditorium della scuola Maestre Pie Filippini, al civico 19, di via Ruben Rubbi

“Educare… ieri, oggi”: questo il titolo del convegno promosso dall’Istituto Maestre Pie Filippini con il contributo del Consorzio Universitario Humanitas, che si terrà il 7 gennaio, dalle 10, a termine delle manifestazioni indette per i 350 anni dalla nascita di santa Lucia Filippini, presso l’auditorium della scuola Maestre Pie Filippini al civico 19 di via Ruben Rubbi, a Montefiascone (VT). Scopo dell’iniziativa è rileggere nell’oggi, la figura di santa Lucia Filippini maestra, catechista e missionaria. “Il 13 gennaio 1672 Lucia Filippini nasceva a Tarquinia, l’antica Corneto – dichiara la superiora della casa madre delle Maestre Pie Filippini, suor Antonietta D’Alessio -. A 350 anni di distanza, con questo convegno sul mondo educativo di ieri e di oggi, l’Istituto delle Maestre Pie, che da lei prendono il nome, desidera riproporre all’attenzione la sua figura, la sua missione educativa e il suo carisma. L’anno giubilare ha permesso, inoltre, a ogni maestra Pia di confermare la propria disponibilità a seguire l’esempio della fondatrice nel servizio a Dio, alla Chiesa e a tutti i fratelli, per offrire nuove e adeguate risposte alle esigenze così complesse del tempo che viviamo. E siamo certe che il convegno ci aiuterà in tal senso”. All’incontro interverranno sua eccellenza monsignor Orazio Francesco Piazza, vescovo di Viterbo; il professor Mario Rusconi, presidente dell’Associazione Nazionale Presidi Roma; il professor Fr. Enzo Biemmi docente di catechetica e discipline pastorali dell’ISSR di Verona; la professoressa Cecilia Costa, docente ordinaria di sociologia dei processi culturali dell’Università Roma Tre; la professoressa Giuseppina De Simone,  docente ordinaria di teologia presso la Pontificia Università Lateranense e la Facoltà teologica Italia Meridionale San Luigi; il professor P. Lello Lanzilli, educatore; il professor Mario Morcellini, presidente del Consiglio Scientifico Fondazione Sapienza.

Articolo precedenteTanta gente per il Capodanno in piazza a Viterbo
Articolo successivoLa scrittrice Federica de Waure presenta il romanzo “Nevermore”