MONTEFIASCONE – Lo scorso anno, più o meno in questo periodo di fine estate, nella città di Montefiascone nacque una forte diatriba, sulla realizzazione di una sala teatrale in Villa Card. Salotti; diatriba apparsa sulla nostra testata il ventinove settembre duemilasedici.

Per la mancata possibilità di usufruire di tale struttura, fu annullata anche una manifestazione teatrale, offerta, gratuitamente, dalla locale compagnia G.Zerbini e, nel contesto di capire la situazione, che provocò molte critiche e dissensi, anche con manifesti illegalmente apparsi sulle pubbliche bacheche, l’attuale assessore alla cultura, affermò che per la fine del mese di settembre tale sala sarebbe stata agibile e, al di la della semplice unica esibizione teatrale, si sarebbe tenuta una valida rassegna teatrale con la partecipazione di diverse compagnie.

Poiché, da fonti certe, si venne a sapere che quanto affermato dall’attuale assessore alla cultura non sarebbe stato realizzabile, intervenne una terza persona, sul portale Facebook, affermando che l’assessore si era sbagliato ed intendeva dire non per il 22 settembre, bensì per il 22 novembre, la sala teatrale in questione, sarebbe stata ultimata.

Da quelle date, ambedue altamente inattendibili, è passato un anno e quella sala teatrale, tanto data per certa, anche con fierezza, dall’attuale assessore alla cultura, in villa Card. Salotti, è ancora inesistente. I fatti sono chiari e le deduzioni molto logiche: lo scorso anno l’assessore parlò senza alcuna cognizione di causa e senza sapere, veramente, come stavano le cose, tenendo anche conto che, in una telefonata, abbastanza animata, confermò le sue tesi, dichiarandosi anche estremamente ben informato sui fatti e che, quanto lui asseriva, era la verità. Addirittura nella stessa telefonata annunciava che in quei giorni sarebbe giunto un numero elevato di operai e che la sala, per la fine di settembre, sarebbe stata sicuramente pronta ed utilizzabile. E’ passato un anno, i lavori sono ancora in corso, la sala non c’è ancora. Cosa dice ora l’assessore?! Chi era ben informato lo scorso anno?! Il terzo interlocutore, sceso in campo in difesa dell’assessore, ora cosa dice?! Saremmo lieti di sentirlo e sarebbe opportuno che dicesse qualcosa, visto che, in un certo qual modo, condivideva le asserzioni dell’assessore.

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook