Il Trofeo in onore di Angelo Manzi, anche in questa edizione, ha avuto un grande successo, sia per la validità oggettiva della manifestazione con un alto numero di squadre partecipanti, che per il nuovo assetto logistico calcistico con il quale si è svolto.

La celebrazione del Trofeo A. Manzi, per l’A.S.D. Montefiascone Calcio del presidente Lorenzo Minciotti e di tutto il direttivo che lo sostiene, è sicuramente, un evento che la  prestigiosa società calcistica locale porta avanti ormai da diversi anni ed alla quale non intende assolutamente rinunciare poiché il ricordo di Angelo Manzi, che tanto impegno e dedizione ha profuso per lo sviluppo di questa disciplina sportiva nella città di Montefiascone, per essa, è un valore importante che merita riconoscenza.

Sotto il profilo logistico sportivo, in questa edizione, l’organizzatore e curatore Vitro Piscopiello, ha apportato una grande modifica: da una parte coinvolgendo tutte le squadre locali del settore giovanile, circa una quindicina, con la partecipazione di alcune esterne, dall’altra con la nuova logistica della consegna delle coppe e medaglie.

«Quest’anno – ha affermato il Piscopiello – non abbiamo rilasciato i soliti premi individuali, ma abbiamo voluto premiare tutte le squadre in quanto gruppo. Va sottolineato che tutti i ragazzi, ai quali va il plauso della società del Montefiascone Calcio e, soprattutto della Famiglia Manzi, si sono molto impegnati dimostrandosi, veramente, piccoli professionisti. Da non dimenticare un sentito ringraziamento ai loro genitori e parenti che si sono prodigati nel condurli al campo ed essere accanto a loro».

Il torneo ha avuto successo anche per la partecipazione degli spettatori, che, sugli spalti dello Stadio delle Fontanelle, terreno da gioco sul quale si sono svolte tutte le gare, sono stati sempre numerosi con un tifo sentito ma ordinato e corretto; quasi sempre presenti i famigliari di A. Manzi, con a capo al figlia Anna con figli e tutti i suoi nipoti.

Le due squadre che si sono maggiormente distinte, sono state quella locale degli Esordienti secondo anno e la S.D Viterbese degli Esordienti del primo anno. Le gare si sono svolte nel tardo pomeriggio o in prima  serata, dalle ore diciotto alle ventuno e trenta circa.

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook