MONTEFIASCONE – Nella prima fase del consiglio comunale tenutosi in Montefiascone nella mattinata di oggi, tra le varie interpellanze, vi è stata anche quella del capogruppo della lega, A. Bracoloni, sull’ospedale, che ha riscaldato la discussione già vivace per altri tempi.

Il Bracoloni ha esordito chiedendo spiegazioni al sindaco sull’andamento del Civico Ospedale definendolo ormai in fin di vita e meravigliandosi del doppio atteggiamento del sindaco.

Al tempo della passata Amministrazione allorché era all’opposizione se ne era fatto il cavallo di battaglia della sua attività politica. Ed ora, da Sindaco, sembra se ne stia disinteressando completamente.

Il Bracoloni ha quindi proseguito dicendo il reparto di Dialisi è stato chiuso. Il reparto di Ematologia non è mai partito nonostante i soldi spesi.

Il reparto di medicina è stato declassato. Il pronto soccorso è praticamente inutilizzabile; radiologia è finita, visto che si fa qualche lastra a livello ambulatoriale, o a pagamento, comunque, solo al mattino.

Il centro analisi si limita ai soli prelievi, il servizio-reparto Day Surgery è utilizzato solo al mattino, e non sempre, contrariamente a quanto era stato previsto; pertanto la situazione parla da sola.

Senza dimenticare, poi, che Montefiascone è stato estromesso dal Comitato ristretto della Conferenza dei Sindaci per la sanità.

Comitato che, tra le altre mansioni, ha anche quello molto importante, d’interfacciarsi con la ASL e Direttore Generale. Questo lo stato attuale della situazione ha concluso il Bracoloni.

Il sindaco Paolini, ha replicato negando tutto cercando di smentire quanto detto dal Bracoloni ed affermando che, in futuro, sicuramente ci sarà una rivalutazione globale di tutti i reparti dell’ospedale cittadino.

In modo del tutto speciale, in questo contesto, sarà il centro di riabilitazione a fare la parte del leone poiché diventerà fiore all’occhiello di tutto l’Alto Lazio. Al tempo che verrà la conferma o la smentita, aggiungiamo noi.

Ad onor del vero però, anche per correttezza di cronaca, dobbiamo dire che, nell’incontro voluto da Sua Ecc.za il Prefetto per la realizzazione della manifestazione delle Frecce Tricolori. Quando si è parlato di soccorso sanitario, dagli stessi rappresentanti della ASL e del centodiciotto è stato categoricamente dichiarato l’ospedale di Montefiascone fuori considerazione. E che ad ogni tipo d’intervento, nel e dal piano di sicurezza, dovrà essere programmato soltanto su Belcolle.

Ne potrebbe conseguire che quanto detto da ASL e centodiciotto, potrebbe suffragare, in un certo qual modo, quanto affermato dal Bracoloni. Ma non sta a noi sindacare ne vogliamo assolutamente farlo.

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email