Sono ormai diversi giorni che la specializzata ditta nel settore, con adeguata attrezzatura tecnica, l’Eco Agra Service, di Tuscania, convenzionata con l’ASTRAL, azienda regionale titolare della Cassia, sta provvedendo alla manutenzione degli alberi che si trovano nella frazione Grilli tra il novantaseesimo ed il novantrasettesimo Kmetro della suddetta arteria Regionale.

Manutenzione, necessaria vista l’altezza raggiunta dai rami delle piante, che si concretizza in due interventi molto significativi, efficienti e profondamente diversi tra loro.

Va subito precisato che detta logistica d’intervento si è resa necessaria sia per i vari danni che si sono verificati negli ultimi tempi con il coinvolgimento ad alcune auto in transito per la caduta di alcuni rami, sia per la caduta di intere piante in quanto, pur apparentemente ed a prima vista sane, in realtà al loro interno si è rilevato molto marciume che mette in serio pericolo la stabilità degli stessi alberi sotto il soffiar dei forti venti.

Le diverse piante cadute, e da tutti vedute a terra per più di qualche giorno, specialmente nel mese scorso, sono la prova schiacciante della realtà su descritta.

Con il primo tipo d’intervento si è provveduto alla potatura delle piante ritenute sane, riducendo l’altezza dei rami ed eliminando quelli secchi mentre, con il secondo, si è provveduto al completo abbattimento di quelle marce che costituiscono un serio pericolo alla circolazione automobilista ed ai pedoni che camminano sul marciapiedi sottostante.

Da non sottovalutare anche un terzo aspetto che mira ad abbattere alcune piante per migliorare la visibilità degli innesti delle vie secondarie sulla Regionale stessa. L’immettersi dalle vie laterali sulla Regionale, era divenuto molto problematico e pericoloso proprio per la poca normale visibilità sulla Regionale, causata dalla presenza di piante presenti a ridosso della connesione tra le due strutture viarie.

Da non dimenticare anche l’altro beneficio che viene dato all’illuminazione pubblica presente sul tratto di strada. I pali e le lanterne della pubblica illuminazione, infatti, in molti punti, erano rimaste intrappolate tra le folte fronde degli alberi, per cui, la loro luce giungeva a terra in modo molto fioco, quasi nullo; con questa potatura, le lanterne sono state liberate, per cui, ora, la visibilità, a terra, è più viva ed efficiente.

Tempo permettendo, come ci ha riferito il direttore tecnico logistico dell’impresa, i lavori, visto che interessano i due lati per circa un Kmetro di strada, verranno ultimati entro dieci giorni.

Pietro Brigliozzi