MONTEFIASCONE – Sono passati alcuni giorni dall’entrata in consiglio comunale del Salviniano Augusto Bracoloni e la realtà politica si va infilando sempre più in una situazione ingarbugliata, anche se, il sindaco Paolini, sembra faccia finta di nulla, minimizzando il fatto, avendo affermato che l’ ingresso del Bracoloni, non ha turbato l’attuale struttura della maggioranza, ne comporterà problemi per la tenuta dell’Amministrazione.

Stando alle voci di piazza ed ha quanto lo stesso Bracoloni ha più volte detto nei mesi passati, la situazione è ben diversa, in quanto, a lui come membro della Lega, essendo stato eletto nella lista civica, la quale, ormai, dopo gli ultimi annunci nel penultimo consiglio comunale, con la costituzione dei gruppi, è da ritenersi dissolta nel nulla, spetta un Assessorato. Ma, parimenti, anche alla Lista Civica spetta un assessorato, per cui gli assessorati da assegnare sono due. Chi dell’attuale giunta dovrà, o meglio sarà disposto a lasaciare la sua sedia?!

E’ bene ricordare che attualmente la maggioranza è divisa in diversi gruppi: quello del sindaco con Femminella ed ha il sindaco ed il presidente del consiglio comunale; quello di Fratelli d’Italia Ceccarelli-Manzi e sono tutti e due assessori; quello di Forza Italia ed ha tre Assessori, con il Vice sindaco, ed il capo gruppo; il rappresentante della lega Bracoloni che ha diritto ad un assessorato; rimangono i tre rappresentanti ancora in lista civica, Merlo, Pompei e Fabbri, la quale, Lista Civica, ha diritto ad un assessorato in forza della par condicio.

Certamente il Bracoloni, a mani vuote, non sosterrà affatto l’attuale maggioranza come pure è da mettere in dubbio l’atteggiamento che assumerà la Lista Civica; ed allora, come dipanare questa matassa? Quali attuali assessori sono disposti, a cedere la sedia?

Certamente un bel rompicapo per il Sindaco Paolini, al quale, per non rimanere nelle brutte acque che si prevedono all’orizzonte, non rimane che disfare tutto e ridistribuire le deleghe e gli assessorati in modo completamente nuovo; questa, secondo quanto commentano gli esperti saggi di politica locale, sembra essere la via più logica che il sindaco Paolini dovrebbe seguire. Di contro, tutti i componenti dell’attuale giunta e maggioranza sono pronti a tale generale nuovo rimpasto? Ai prossimi giorni l’ardua sentenza.

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email