MONTEFIASCONE – Sembrerà strano, eppure è vero. Anche l’Amministrazione della città di Montefiascone lamenta un certa carenza di fondi per le opere pubbliche e, fin qui, tutti siamo d’accordo; le divergenze nascono quando, fondi più o meno piccoli ci sono e ci potrebbero essere, ma non vengono acquisiti perché qualcuno indugia nel produrre le dovute pratiche e questo è quanto sta accadendo in Montefiascone. L’attenzione questa volta cade sul problema dell’impiego delle multe automobilistiche che vengono effettuate dall’autovelox automatico installato sulla provinciale della Commenda, nei pressi dell’omonimo ristorante, sul territorio di Montefiascone.

Il totale delle multe rilevate dallo strumento tecnico, in parti uguali, pari al cinquanta per cento, va diviso tra il Comune, proprietario del dispositivo tecnico e l’Ente Provincia in quanto proprietaria della strada. Nel nostro caso l’Ente Provincia, come ha già fatto con altri Comuni, si è dichiarato disponibile per creare un nuovo fondo, mettendo a disposizione la sua parte, quale forma di collaborazione con il Comune, che dovrebbe aggiungere una sua quota, per poi rinvestire questo nuovo fondo sulle due provinciali, specialmente su quella che collega il centro di Montefiascone al lago; ed anche su questo punto nulla da recriminare, anzi tutto pienamente condiviso, però qui nasce il vero problema ostativo; quello burocratico.

Tutta questa manovra, fino ad ora, non è andata in porto perché, come riferito da persone bene informate chi di dovere non ha ancora prodotto la relativa documentazione richiesta e sollecitata, già da diversi mesi, dall’ente Provincia con la conseguenza che gli investimenti per il miglioramento, specialmente della provinciale del lago, che riguarda molto da vicino il comune di Montefiascone, non si possono fare, pur essendo questa una strada molto importante ed abbia necessità di tanti interventi migliorativi, sia nel settore della segnaletica verticale ed orizzontale sia sul fondo dell’intera sede stradale senza misconoscere la sua necessità di essere ampliato, in diversi tratti tortuosi ed abbastanza pericolosi visto che, negli anni passati, non molto lontani, vi è accaduto qualche incidente mortale.

Mentre scriviamo, da ultime voci di corridoio, comunque informate, sembrerebbe che il sindaco, al fine di non perdere le suddette risorse economiche, abbia dovuto intervenire, affinché qualcun altro preparasse la documentazione, visto che, chi doveva farla, da almeno due mesi, a tutto oggi, non ha fatto ancora nulla.

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email