In questi giorni sono iniziati i lavori per il rifacimento della sede stradale dell’importante tratto di Via Cassia Nuova che va dall’importante snodo con l’origine della UmbroCasentinese, fino all’inizio di P.le Roma.

Un tratto di circa cinquecento metri che, causa i molti anni passati dall’ultimo intervento su di esso, sia le cattive condizioni atmosferiche dei molti inverni trascorsi, almeno in alcuni tratti, l’avevano ridotta veramente in condizioni al limite dell’intransitabilità. Il tratto interessato dei lavori rimarrà chiuso per alcuni giorni ma non si poteva fare diversamente visto che oltre la bitumatura in superficie, si sta rifacendo anche il sottostante fondo dell’ intera sede stradale con la scarificatura del medesimo.

Un intervento importante e necessario che, oltre il principale oggettivo motivo di riportare ad un livello di alta dignitosità la sede stradale, contribuisce a dare sia ai cittadini montefiasconesi che a tutti gli altri automobilisti che la percorrono, una migliore immagine della città.

Ora i tanti negativi commenti, fatti, più o meno lecitamente, nei tempi passati, sono alle spalle; e va sottolineata l’attenzione prestata dall’Assessore ai lavori pubblici che, certamente, riteniamo non sia felice di quando le strutture sono carenti, ma anch’Egli deve fare i conti con le risorse finanziare che, ad onor del vero, al di la anche di alcuni investimenti non di estrema priorità, non sempre sono così cospicue da poter consentire di risolvere, sempre e subito, tutti gli aspetti negativi, non solo della viabilità, ma anche di altre strutture di pubblico interesse.

E’ doveroso, inoltre, sottolineare che, ancora una volta, ad aggiudicarsi l’appalto dei lavori è stata la conosciuta e specializzata ditta locale di Nicolai Stefano, la stessa che, sul territorio, ha già eseguito altri interventi di tal genere, per cui i positivi risvolti economici di detti lavori, rimangono sul territorio a favore del mondo del lavoro e delle aziende locali, e, di ripiego nel tessuto sociale della città; e questo è un buon segnale.

 

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook