#Montefiascone #ICAnnaMolinaro #22FestadelLibro #festadellibromontefiascone2020

La scuola non si ferma e nemmeno la Festa del Libro. La 22esima edizione, realizzata dai docenti dell’Istituto Comprensivo “Anna Molinaro” di Montefiascone, nonostante il blocco delle attività didattiche in presenza, si svolgerà in ambienti virtuali tra pagine Facebook e collegamenti in Google Classroom.

Dal 25 al 29 maggio il programma degli eventi vedrà come relatori scrittrici, illustratrici, musicisti ed esperti narratori per stimolare negli studenti e nelle studentesse il piacere della lettura. La narrazione mantiene inalterato nel tempo il suo fascino e, nonostante la pervasività dei social media, il libro resta uno strumento magico capace di far sognare e crescere le future generazioni.

Questa edizione, titolata Lib(E)ri di…Lib(E)ri da… propone riflessioni su temi di massimo interesse, dalla fiaba all’Educazione alla Cittadinanza perché mai come in questo periodo si avverte il bisogno di avviare i Cittadini e le Cittadine del futuro alla strutturazione di un pensiero critico e libero capace di contrastare la disinformazione martellante dei social e le fake news.

“La quarantena ha fornito a noi tutti idee e riflessioni che sono sfociate nella proposta di un’edizione innovativa senza rinunciare ad un evento che fa parte della tradizione della nostra scuola e della nostra comunità.” – Afferma la Dirigente Scolastica M.R. Salvi – “In un momento di grande sforzo per l’attivazione di modalità nuove di erogazione dell’offerta educativa e didattica, i docenti hanno dimostrato grande senso di responsabilità  attivando un programma di qualità per i nostri studenti”-

Questa edizione svolgendosi in uno spazio social, virtuale, raggiungibile liberamente da tutti attraverso l’hashtag #festadellibromontefiascone2020” vuole avviare i giovani ad un uso consapevole e culturale dei social. Divertimento, informazione, interazione, tutti temi spesso dati per scontati ma che così non sono, soprattutto per i minori che si approcciano all’uso delle nuove tecnologie senza conoscerne potenzialità e rischi.

La comunità educante viaggia oltre la scuola e diventa un villaggio virtuale al quale potranno unirsi familiari, amici e altre scuole. Gli eventi in programma permetteranno di creare un contenitore inclusivo di esperienze e confronto su temi come equità di genere, collaborazione, creatività e partecipazione.

Un ringraziamento a tutti i docenti, le famiglie e gli studenti che contribuiranno alla realizzazione di questa edizione e che, con la loro presenza, dimostreranno che sentirsi vivi e liberi significa fondamentalmente partecipare.