In uno degli ultimi Consigli comunali, il capogruppo della maggioranza annunciò, con soddisfazione che, da parte dell’Amministrazione, era stata acquistata una nuova macchina per realizzare le strisce della segnaletica orizzontale sulle strade e vie della Città.

L’acquisto fu giustificato con il postulato che in tal modo l’Amministrazione era in grado di effettuare o ripristinare la segnaletica in questione in brevissimo tempo, con i propri operai, senza dipendere più dai lunghi tempi che comporta la burocrazia della logistica dell’uso delle ditte esterne. Su questo nulla da ridire, anzi tutto da approvare senza il minimo indugio.

I problemi vengono ora; in molti punti estremamente impegnativi della rete viaria e stradale della città, la segnaletica orizzontale è ormai irriconoscibile con tutte le conseguenze che ne scaturiscono.

Basta fare un giro per la Città ed osservare con attenzione incroci e connessioni tra le vie secondarie e quelle principali, per rendersi conto della situazione.

Accanto alla pura segnaletica orizzontale, in diverse zone, come il codice della strada richiede, vi è necessità di attivazione o ripristino, anche le zone ricovero per la fermata dei pulman sia del servizio urbano che extraurbano.

Un’esempio lo troviamo sul complesso incrocio tra la regionale Cassia, l’inizio della Umbro Casentinese, la deviazione della Cassia nuova, nella zona dinanzi la macelleria, ove le varie carreggiate di canalizzazione delle auto, e stop sono ormai irriconoscibili.

Recarsi presso il civico ospedale per notare la mancanza della linea d’arresto per dare precedenza tra Via Indipendenza e la Verentana.

In Zepponami, la strada che sale dalla locale stazione ferroviaria, nel punto ove s’innesta sulla regionale Cassia, verso la frazione, manca di linea d’arresto per dare la precedenza.

Lungo la Verentana, dall’suo inizio fino all’incrocio della Grazie, manca, quasi per tutto il tratto, sia la linea di mezzaria che le linee laterali determinanti la sede stradale; all’uscita di P.le Mauri su Via indipendenza manca la striscia d’arresto per dare precedenza.

Questi solo alcuni punti, per l’elenco completo necessiterebbero tante pagine che non abbiamo disponibili anche perché, il vero problema sta nel fatto che questa macchina è stata comperata per essere usata, o per farla giacere inutilizzata nel magazzino degli operai? Quando, di contro, la segnaletica sulle rete viaria dimostra tutta la sua carenza.

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook