Nella città di Montefiascone, mentre l’Amministrazione crea buio spegnendo i lampioni, ci sono già le prime luminarie accese ed altre sono in allestimento. Alcuni esercizi commerciali, all’inizio di Via Dante Alighieri, lungo Via Oreste Borgesi, in P.zza Vittorio Emanuele, in Corso Cavour, a P.le Roma, hanno già reso il clima natalizio con l’accensione delle luminarie.

Dopo due anni di pandemia, questo duemilaventidue sarebbe dovuto essere l’anno della rinascita, della luce, della gioia; elementi che si identificano con la speranza, ma, nella città di Montefiascone, ancora una volta, si verifica l’esatto contrario in nome di un risparmio energetico legato all’uso uso di materiali ormai sorpassati, obsoleti e frutto di una tecnologia che va scomparendo dal mercato proprio per gli alti costi.

Per correttezza di cronaca, va detto che, in questi giorni, è stata predisposta una semplice illuminazione della fontana al centro di Piazza Vittorio Emanuele. Da una parte, in molti si augurano che sia l’inizio delle luminarie nel centro storico della città, dall’altra, i più scettici, nutrono molti dubbi che si possano vedere altre luci, almeno come negli anni prima dell’epidemia.

A Firenze, ad esempio, sono state accese le luminarie, molto belle ed economiche in quanto i materiali luminosi, sono a led dell’ultima generazione.

Pietro Brigliozzi

Articolo precedenteFI Viterbo: “Bene proposte su Superbonus. Da Forza Italia attenzione al mondo edilizia”
Articolo successivoMontefiascone, presentato un romanzo su Emanuela Orlandi