MONTEFIASCONE – La seconda edizione del Lungolago in Fiore, si è messa in moto. l’Amministrazione comunale di Montefiascone, guidata del sindaco Massimo Paolini, con il consigliere Angelo Merlo, Delegato allo Sviluppo del lago, hanno già stabilito le date dei due giorni, nei quali, sarà effettuata la manifestazione, rispettivamente, sabato ventisei e domenica ventisette del prossimo maggio.
Visto il grande successo della prima edizione dello scorso anno, della quale vi mostriamo alcune foto, in questa seconda edizione, verranno apportati diversi miglioramenti con il coinvolgimento di altri prestigiosi vivaisti nonché un forte incremento dei medesimi. Nei prossimi giorni verrà spedita, a tutti i potenziali vivaisti partecipanti, un particolare invito, corredato di una scheda, con la quale i partecipanti dovranno dare la loro adesione entro e non oltre le fine del mese di Febbraio ormai alle porte.

Al fine di mettere a punto ogni minimo particolare, prematuro annunciarlo in questo momento, non escluso l’intento che, in questa seconda edizione, i visitatori potranno trovare molti confort compreso quello della ristorazione, è stata programmata un serie d’incontri dei quali se ne darà informazione al momento opportuno. In questo contesto si può già annunciare che, in questa seconda edizione, oltre agli espositori di fiori, settore molto amato dalle signore, ci saranno degli espositori che faranno conoscere le piante specifiche dell’agricoltura, settore questo ritenuto più consono al settore maschile.

Possiamo anche anticipare che si stanno studiando alcune modalità per realizzare spettacoli musicali, nelle due serate di sabato e domenica al fine di soddisfare anche le esigenze dei giovani. Un Lungolago in Fiore senza giovani, senza uno specifico spazio per loro, sarebbe una carenza imperdonabile. Gli organizzatori si augurano e cercheranno di coinvolgere tutte le strutture gastronomiche del litorale al fine di avere un loro supporto per poi dare la possibilità ai visitatori di avvalersi della loro attività di ristorazione.

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook