Non poteva essere diversamente, uscita la notizia di quanto stabilito nell’ultima seduta di Giunta di questi giorni, sulla tematica del cimitero per la riqualificazione e rivendita delle tombe gentilizie e dei sarcofagi, il consigliere Merlo, prima nell’attuale maggioranza, ora della Lega, rivendica il suo operato.

Sig. Angelo Merlo, questo suo ritorno, le sue considerazioni sull’operato della Giunta sul tema del cimitero?
“Certamente non posso non intervenire su questo tema sia per chiarire che quanto ha deciso la Giunta, nella seduta di ieri l’altro, non è frutto del suo sacco, sia per rammentarlo ad una certa stampa locale. La Giunta, in questi giorni, ha raccolto quanto io ho seminato nei due anni che ho esercitato il mio compito di Consigliere Delegato al cimitero”.

Potrebbe essere più chiaro?
“Preciso in tal senso e ricordo ai vari signori, Capocecera che all’epoca era fuori del Consiglio Comunale, ma soprattutto all’Assessore Ceccarelli ed al sindaco Paolini, che questa iniziativa fu presa ed avviata da me ben oltre un anno fa. Presentai la problematica il dodici ottobre duemiladiciassette. Oggi Il sindaco dimentica che il giorno ventiquattro ottobre duemiladiciassette, fece la specifica delibera n. duecentoottantadue che fu appesa sia all’albo del comune che alle bacheche fuori le entrate del cimitero, come comunicazione ai cittadini, il trenta ottobre. Dovevano passare i novanta giorni previsti dalla legge prima di essere operativi. Oggi, non solo sono passati novanta giorni, ma sono passati ben quattordici mesi, quindi si può essere operativi, altro che fare studi o valutare fattibilità varie, per cui Capocecera, Ceccarelli e Paolini non hanno fatto nulla di nuovo, stanno soltanto raccogliendo, con forte ritardo, i frutti di quanto da me seminato”.

Lei si esprime così per rivendicazione o per soddisfazione?
“Tutte e due i motivi sono validi. Ribadisco che insieme all’impiegato, capo settore specifico, iniziai a fare i primi sopralluoghi e individuammo circa cinquanta disponibilità tra cappelle e sarcofagi. Sono molto fiero e soddisfatto che la Giunta ed il nuovo consigliere delegato al cimitero, Capocecera, al quale vanno i miei più schietti e sinceri auguri di buon lavoro, stiano portando avanti questa iniziativa. Sono contento e ne sono onorato e fiero sia perchè i cittadini, in questo modo, saranno soddisfatti delle loro richieste, senza dimenticare che, in questo modo, da una parte si dimostra che stavo facendo un buon lavoro ed una buona scelta, sia perchè si rafforza la tesi che il sindaco Paolini mi ha ritirato le deleghe, solo per sua sconsiderata scelta politica; per annientarmi; probabilmente, forse, perchè facevo ombra a più di qualcuno che gli stava a cuore, dal quale dipendeva e, dal quale, è ancora condizionato e non aggiungo altro”.

Come fa a dire questo?
“La realtà è molto semplice. Basta tener conto di come e con quale logica va avanti l’Amministrazione e di quanto è successo in questi ultimi tempi con le dimissioni, di Luciano Femminella. Non si deve dimenticare quanto il Femminella ha detto e pubblicato sulla stampa come motivazioni delle sue dimissioni; approfitto ed invito tutti ad andarsene di nuovo a leggere”.

 

Pietro Brigliozzi