Siamo nel cuore della Fiera (Sagra) del Vino di Montefiascone  e, mentre da un parte, è agli sgoccioli la realtà del Cantinone nella storica Via Trento, cuore del rione Porticella, dall’altra, nei due magnifici saloni ricchi di storica della Rocca dei Papi, con lo splendido panorama del quale l’occhio umano si può dilettare, questa mattina ha preso il via la Mostra dell’Antiquariato.

La bellezza artistica, frutto dell’intelligenza umana, ben si sposa con le meraviglie che l’Autore della Natura ha profuso nei dintorni di Montefiascone.

Presenti alla cerimonia, la vice sindaco Orietta Celeste, la quale, dopo un breve discorso di circostanza, ha tagliato il nastro e visitato la mostra; il capo gruppo di maggioranza Sandro Leonardi ed il consigliere Rossano Capocecera. Diverse persone presenti hanno notato l’assenza degli Assessori alla cultura ed agli eventi.

La mostra, che resterà aperta fino al giorno diciotto, con orario continuato, dalle ore dieci alle ore venti, è stata organizzata e curata da Claudia Nardini con il supporto logistico operativo di Luciano e Giuliana Ferlicca; oltre venticinque gli espositori presenti, pervenuti da quasi tutte le regioni d’Italia che propongono all’attenzione dei visitatori pezzi molto pregiati, alcuni dei quali sono, ormai, una rarità.

La mostra ha come oggetto, il settore dell’arredo della casa in termini molto ampi; si va dall’oggettistica più minuta all’argenteria più spinta, dai mobili ai quadri, dai tappeti ad oggetti in bronzo, dai quadri ai cappelli, dai gioielli a pezzi storici di vario genere, senza escludere una grande varietà di suppellettili.

Una delle più importanti manifestazioni che si realizzano in Montefiascone poiché è in grado di richiamare nella città, come ha sottolineato la vice sindaco Celeste nel suo discorso di apertura, molto e qualificato turismo, senza dimenticare che tutta l’equipe degli espositori, circa quaranta persone, per tutto il periodo del mostra, vive in città, dunque con l’arte arriva anche un pizzico di ricchezza economica.

Pietro Brigliozzi

 

Commenta con il tuo account Facebook