Le api non hanno domenica, ogni giorno per loro è uguale all’altro e atto per muoversi senza aver necessità di autocertificazione o altro tipo di permesso. Nelle prime ore di pomeriggio, un intero sciame ha ben pensato di girare per la città di Montefiascone, trovando poi rifugio sicuro, sulla ringhiera di protezione tra la finestra interna e la persiana esterna di una finestra, rimasta chiusa da diverso tempo, al secondo piano di un palazzo, della centralissima Via Maltesta, nell’immediate vicinanze dell’arco su Corso Cavour.

Api Montefiascone

Gli abitanti del palazzo vicino hanno tempestivamente avvisato le autorità nelle persone del sindaco Paolini e dell’Assessore Manzi, i quali, hanno immediatamente informato la Protezione Civile chiedendone l’immediato intervento. La specializzata squadra della Protezione Civile, munita di tutte le specifiche attrezzature e di D.P.I. del caso, è immediatamente intervenuta per la rimozione dopo aver contattato un’apicultore al quale, dopo la cattura, e la conseguente rimozione, è stato consegnato il prezioso sciame.

Api

Da notare, comunque, stando alla curiosità statistica ed alla particolare attenzione che hanno le api, quali sentinelle della natura nello scegliere la loro dimora in aree le più salubri possibile, ogni anno si verificano almeno tre a quattro casi di questo genere; segno evidente che in Montefiascone vi è aria salubre per un vivere sano, molto consono alla produzione del loro dolce miele.

 

Forse quest’anno si avranno più casi, in considerazione che l’Amministrazione, tra l’altro, a seguito delle decisioni nell’ultimo consiglio comunale è Comune delle Api.

Pietro Brigliozzi