MONTEFIASCONE – Nella giornata di ieri domenica due febbraio, gli agricoltori del comune di Montefiascone, come tutti gli altri, hanno celebrato la Festa del Ringraziamento.

Una festa molto cara agli agricoltori, in quanto serve per Ringraziare la Provvidenza dei buoni raccolti fatti nell’anno trascorso ed al tempo stesso, per chiedere assistenza e prosperità per i raccolti dell’anno in corso.

In questo contesto è opportuno ricordare che gli agricoltori, hanno sia il loro capitale che il loro lavoro sotto il cielo al chiarore delle stelle, ove le buone e le cattive condizioni atmosferiche sono determinanti per avere, alla fine di ogni ciclo delle varie produzioni, o un buon raccolto o un cattivo raccolto.

Intorno alle ore nove, tutti gli agricoltori, con i loro trattori si sono ritrovati presso il piazzale della locale Cantina Sociale, ove erano attesi dal sindaco Massimo Paolini, improvvisatosi trattorista, dall’assessore all’agricoltura Fabio Notazio, dal presidente di zona della Coldiretti, Daniele Picconi, dal presidente della locale sezione della Coldiretti, Claudio Pagliaccia con la presenza del luogotenente dei Carabinieri, Maresciallo Fabrizio Botticelli ed un componente della Polizia Locale.

Completato il raduno, intorno alle nove e quarantacinque, in parata, gli agricoltori, a bordo dei propri mezzi, scortati in testa dalla Polizia Locale, in coda da una pattuglia dei Carabinieri, hanno fatto un giro per le principali vie della Città, per ritrovarsi, poi, su Campo Boario. Lasciati i mezzi, tutti gli agricoltori, circa un centinaio, hanno raggiunto la cripta del Bramante, sotto la concattedrale della patrona della città, S. Margherita, ove hanno partecipato in forma molto solenne e raccolta, alla celebrazione della Santa Messa ufficiata da Sua Ecc.za Mons. Fabio Fabene e, durante la parte offertoriale, hanno depositato ai piedi dell’altare i prodotti della terra ed i frutti del loro lavoro.

Terminata la celebrazione tutti, accompagnati dal Vescovo celebrante, sono tornati, di nuovo, presso i mezzi che erano in sosta su Campo Boario, ove, Sua Ecc.za ha impartito, ai medesimi, la speciale benedizione, ricordando a tutti che i mezzi devono essere tenuti, sempre e comunque, in perfetta efficienza perché possano, sempre, alleviare e rendere meno faticosa la professione di agricoltore, sia nella fase di lavorare la terra che nel raccogliere i frutti.

La giornata si è conclusa con il pranzo sociale presso il noto ristorante Da Corrado, sulle rive del Lago di Bolsena, presso il quale erano stati portati tutti i trattori quasi una mostra dei medesimi.

Pietro Brigliozzi