La Festa della Repubblica, nella città di Montefiascone, quest’anno è stata celebrata in modo solenne ed ha avuto un sapore del tutto particolare in quanto è coincisa con il centenario della stele eretta nel Prato Giardino in memoria dei caduti della Grande Guerra dai cittadini di Montefiascone.

2giugno Montefiascone3 700x350

La solenne manifestazione ha coinvolto la città, un corteo costituito da molti giovani, circa sessanta, hanno portato una gigante bandiera, presenti le maggiori Associazioni del territorio, i membri del Consiglio Comunale, guidati dalla sindaca Giulia De Santis, i massimi dirigenti della locale Stazione dei Carabinieri con il Capitano Antonino Zangla e il Luogotenente Fabrizio Botticelli insieme alla comandante della Polizia Locale Giulia Bassi.

2giugno Montefiascone2

Il corteo, è giunto all’interno del Prato Giardino sotto il coordinamento del consigliere alla cultura Renato Trapè con la collaborazione di Loredana Smafora, che ha curato il cerimoniale. Sono state tenute le tradizionali cerimonie con l’alza Bandiera, gli Onori i Caduti, la deposizione della corona dall’oro da parte della sindaca ai piedi del Monumento, la benedizione di parte del parroco Don Marco del Canuto, l’esecuzione di vari canti patriottici, l’Inno d’Italia e la lettura del messaggio del Presidente della Repubblica alla Nazione.

2giugno Montefiascone1

A seguire lo storico Nando Onofri ha parlato della storia del Monumento e della sua realizzazione. Relazione che tutti i presenti hanno seguito con molta attenzione; a seguire il gruppo di ragazzi che oggi compivano il loro diciottesimo anno di età hanno recitato un articolo della Costituzione, poi la sindaca ha donato loro il volume della Costituzione.

A chiusura della cerimonia i bambini più piccoli della scuola Elementare Golfarelli, in rappresentanza delle classi hanno letto alcune loro piccole riflessioni sulla guerra e sugli alti valori, della pace e della fratellanza tra i popoli.

Pietro Brigliozzi

Articolo precedenteAl via la seconda edizione del CINELABFEST di Tuscania
Articolo successivoPresso la sala Anselmi in Via Saffi l’opera di Paternesi sulla corruzione ispirata alla Divina Commedia