Il centro vaccinale allestito nella zona industriale artigianale delle Guardie dalla locale sezione della Protezione Civile in cooperazione con l’Associazione  di Solidarietà Falisca ha raggiunto un risultato previsto ma mai raggiunto finora. Basti sottolineare che la prima sala d’aspetto è passata dai 50 ai 120 posti.

Il gruppo di medici di famiglia che hanno la loro sede operativa nella suddetta struttura, lavorando in perfetta sinergia tra loro, quasi come una famiglia, tra le 15,00 e le 18,30 di martedì, 15 giugno, hanno effettuato, tra le prime dosi ed i richiami, oltre 250 inoculazioni.

Un risultato straordinario ma previsto quale traguardo raggiungibile e superabile, conferma il presidente Tonino Fiani “nella consapevolezza che il perfetto lavoro di squadra tra i circa dieci volontari della Protezione Civile ed i cinque della Solidarietà Falisca, grazie a quell’alta loro professionalità che li contraddistingue, sono in grado di dare, con tempestività e capacità. Un massimo di efficienza nell’assistenza ai pazienti in ogni settore del percorso vaccinale agevolando, contemporaneamente, e di molto, lo specifico lavoro dei medici”.

“Ogni martedì, giorno della vaccinazione, si leva un coro di apprezzamenti e positivi giudizi su queste due Istituzioni per quanto sono riusciti a mettere in piedi e per l’alta professionalità con la quale portano avanti la struttura”, aggiunge la Presidente Algerina Monachini. Gli stessi medici, ai quali va tutto l’apprezzamento delle due Istituzioni, dimostrano la loro soddisfazione nel constatare che tutto fila nel migliore dei modi.

Montefiascone Le Guardie

Un giudizio che viene sempre espresso dai pazienti, si racchiude nella frase: mai avremmo pensato di trovare una struttura di questo tipo, con tanta efficienza, tanta professionalità nelle persone e la grande cordialità con la quale veniamo accolti prima ed assistiti poi. Più che essere in un anonimo centro di vaccinazioni sembra di essere in una famiglia dove tutti si conoscono, tutti si salutano, tutti trovano tanta solidarietà, affabilità.

Pietro Brigliozzi