Il sindaco Massimo Paolini, auspica la creazione di ulteriori punti per il servizio dell’effettuazione dei tamponi e la relativa diagnostica oltre quelli già esistenti presso i noti importanti ospedali romani per soddisfare con più celerità le esigenze dei cittadini di tutta la Provincia di Viterbo.

Per il raggiungimento di detto fine, il sindaco di Montefiascone, ha scritto una lettera ufficiale al sindaco di Viterbo, Giovanni Maria Arena, quale Presidente della Conferenza Locale per la Sanità.

Di seguito il testo della lettera.

Egregio Sindaco,
l’emergenza COVID-19 continua a colpire il nostro Paese e la nostra provincia. Al momento, i tamponi, effettuati sul territorio provinciale, sono inviati al Policlinico Gemelli, a cui va il nostro incondizionato plauso, già sovraccarico di richieste, che ha possibilità, per obiettive ed inconfutabili ragioni tecniche, di poter eseguire soltanto un determinato numero di letture giornaliere.  
  Tutto questo determina un allungamento dei tempi di attesa per la consegna dei referti, che potrebbe accrescere il contagio.
   Altresì, per come si sta sviluppando la pandemia, potrebbe ormai rivelarsi necessario un potenziamento dei testi a domicilio fatti in tempi rapidi.
   Per questo, ritengo che sia auspicabile, quanto necessario, fornire ai cittadini e ai pazienti sospettati di contagio un servizio celere ed efficiente, che consenta una lettura veloce dei tamponi. 
  Le chiedo, quindi, nella Sua qualità di Presidente della Conferenza dei Sindaci, di inoltrare alla Regione Lazio apposita richiesta per estendere la funzione di diagnostica specialistica di infezione da SARS-Cov-2 anche al laboratorio analisi di Belcolle, ovvero, di altri ospedali della Provincia, come quello di Montefiascone.
  Credo che tutto questo possa contribuire a trasmettere maggior senso di tranquillità e sicurezza ai nostri concittadini e ai nostri operatori medici e sanitari, che stanno facendo un lavoro straordinario ed encomiabile.
   Sono fiducioso che insieme, con la consueta responsabilità e abnegazione che tutti gli Amministratori locali stanno dimostrando, riusciremo a gestire questa emergenza.

Pietro Brigliozzi