MONTEFIASCONE –  L’argomento è di massimo interesse per i risvolti di utilità pubblica e di grandi benefici che ricadranno sia sulla popolazione della cittadina dei Colli Vulsinei, sia sugli stessi proprietari dei terreni confinanti con la strada.

Credo, che tutti, abbiano ormai compreso l’importanza di questa operazione, sentenzia il consigliere delegato, A. Merlo fautore principale di tutta questa manovra, il quale, riconoscendo il supporto dell’intera Amministrazione comunale, presieduta dal sindaco M. Paolini, che ne ha compresa prima e condivisa poi, l’importanza, afferma: “Stiamo percorrendo la strada giusta verso traguardi mai raggiunti. Stiamo dando al lago un’altra via di comunicazione, altamente panoramica, che darà respiro a tutta l’area nord del litorale di competenza del nostro comune. Uscendo dalla regionale Cassia, in località Poderetto, scendendo per questa nuova strada, raggiungendo le rive del lago, si potrà ammirare un panorama mozza fiato; ne gioveranno i proprietari dei terreni limitrofi, i quali, con maggior facilità e comodità potranno raggiungere i loro terreni. Ciò che oggi è nel mondo di totale misconoscimento, nascosto tra rovi ed arbusti cresciuti senza controllo alcuno, diventerà, parte attiva per la rivalutazione dell’ambiente e di tutto quel territorio”, prosegue il delegato Merlo.

Sig. Merlo iniziati i lavori?!
Si. Questa mattina, il tecnico trattorista del comune, con il mezzo a lui affidato, ha provveduto a riaprire, per circa cinquecento metri, il primo tratto della strada che attraversa il bosco e nei prossimi giorni, tempo permettendo, provvederà a ripulire l’altro tratto rimasto, verso la regionale Cassia, che consta di circa altri millecinquecento metri. Millenovecento metri, in totale, di strada sommersa dalla boscaglia, ma necessaria per raggiungere, dalla Cassia, i quattro Kmetri di litorale, i quali, ogni qualvolta si chiude la provinciale, con i vari esercizi di ristorazione disseminati lungo di esso, rimane totalmente isolato senza alcuna possibilità di essere raggiunto. La differenza tra il prima ed il dopo dei lavori è notevole.

Lavori complessi?!
C’è ancora da fare, specialmente in un tratto, commenta il Merlo, ma con la volontà di tutti e, soprattutto con il supporto fondamentale di tutta l’Amministrazione Comunale, sicuramente riusciremo nell’impresa. Mi auguro di non trovare difficoltà di altro genere, consapevole che anche i confinanti sapranno dare la loro disponibilità comprendendo i tanti benefici che la strada porterà loro.

Un’opera valida ed in che termini?!
Avremo un’altra via di comunicazione di alto valore funzionale e altamente panoramica; una strada lunga circa due kmetri e mezzo, con una carreggiata di sei metri e, a seconda delle risorse economiche, cercheremo di asfaltarla. Rivalutare il lago significa anche renderlo raggiungibile la dove, fino ad ora, non era possibile. Siamo agli inizi, muoviamo i primi passi, il nostro intento è comunque quello di renderla completa ed operativa per la prossima stagione estiva.

La comunità dovrà farvi un monumento?!
Non parliamo ne di busti ne di monumenti commemorativi, anche se, credo, un piccolo riconoscimento, specialmente per l’intera Amministrazione, è sempre bene accetto; senza dimenticare che il miglior riconoscimento è quello politico.

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email