La vendemmia è entrata nel vivo, il manifesto affisso in tutte le bacheche della città di Montefiascone, oltre che a darne l’annuncio, stabilisce anche tassative modalità logistiche che i viticoltori dovranno rispettare al fine di tutelare il buon nome, ma, soprattutto, le buone qualità alimentari dell’EST! EST!! EST!!!, ormai, apprezzato e riconosciuto in tutto il mondo.

Dal dodici al diciassette settembre si potranno raccogliere e consegnare in cantina le uve MERLOT e rosse, in genere prodotte nelle campagne di Montefiascone e Canino.

Dal diciannove settembre scatta l’apertura generale per le uve bianche.

La Cantina Sociale di Montefiascone, avvalendosi dell’esperienza maturata negli anni, si farà garante della raccolta per le varie qualità di uva di tutti i soci che conferiscono alla Cantina il loro prodotto.

Le uve si devono consegnare in cantina nello stesso giorno che sono state raccolte. A tal fine, al mattino di ogni giorno, lo scarico inizierà, tassativamente, alle ore dieci, mentre, nel pomeriggio, è obbligatorio essere presenti all’interno del piazzale della cantina entro le ore diciotto, pena il ritardo o rinvio dello scarico.

Sotto il profilo economico, per la denuncia delle quantità di vino prodotte, si potrà avere la necessaria ed ufficiale documentazione, soltanto a fine vendemmia, presso gli uffici preposti dalla Cantina.  

                                                                                                               Brigliozzi Pietro

Articolo precedenteVetralla, inizia la stagione taekwondo 2023
Articolo successivoLa sindaca Frontini consegna l’attestato di merito sportivo per le Sbandieratrici e il Gruppo Storico Musicale Città di Viterbo