MONTEFIASCONE – In questi giorni, negli sprazzi di buon tempo, tra una passata di pioggia e l’altra, su invito e richiesta del delegato al cimitero, consigliere, Angelo Merlo, i custodi del cimitero sig.ri Fabrizio Moscetti e Lorenzo Pezzato, dimostrando di avere grande senso di tutela della natura e salvaguardia per la medesima, pur non essendo loro specifico compito, dimostrando buon senso civico ed attenzione al corretto sviluppo delle piante, ancora non eccessivamente grandi, hanno ugualmente provveduto a potare le diverse giovani piante di acacia messe a dimora nel area di pubblico parcheggio antistante l’ingresso della parte vecchia, o meglio storica, del civico cimitero quali elemento di ornato spargendo ombra gradita, sulle macchine in sosta, specialmente nei caldi mesi estivi.

I custodi hanno lavorato con tutte le precauzioni del caso, con attenzione e competenza, dimostrando così anche una certa professionalità; nel effettuare detto lavoro, hanno pensato a tutto l’iter della potatura, dalla recinzione della zona di lavoro mettendola in sicurezza, al taglio dei rami e quindi al loro frazionamento e smaltimento.

Un lavoro che non si faceva da anni, per cui, le stesse piante, da una parte avevano dei rami secchi che al soffiar dei venti, realtà che in Montefiascone non manca mai, sarebbero potuti cadere sulle sottostanti auto in sosta, dall’altra crescevano in modo disordinato ed approssimativo in quanto i rami verdi si mescolavano con quelli secchi. Nel contesto i custodi hanno provveduto anche a tagliare l’edera che si stava sviluppando lungo il tronco delle piante provocandone così il loro essiccamento.

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email