MONTEFIASCONE – Vecchia fontana, dopo che per decenni avevi dissetato un quartiere e tutti i passanti per quella strada, con lo sviluppo sociale che ha visto entrarti in tutte le case, eri li, dimenticata, tra le spine, resa quasi invisibile dalle medesime.

In questi ultimi tempi, persone attente e memori di quanto bene loro facesti, hanno ben pensato di riportarti ai tuoi primi splendori.

Con tanta pazienza, con molta cura, con grande saggezza, almeno due persone del quartiere, ti hanno donato i loro ritagli di tempo; ti hanno liberato dall’attanagliamento dei rovi prima, e restaurato poi, in ogni tuo settore, ridonandoti il primitivo tuo splendore. Le pietre di origine locale, con le quali ti costruirono, nell’altro secolo e nell’altro millennio, i nostri antenati, ora, come un tempo, fanno, di nuovo sfoggio di se stesse. Le tegole sul tuo muro, sono bella protezione dalle intemperie, perché il tuo nuovo vestito duri più a lungo possibile. La preziosa vaschetta, scavata nella pietra da un provetto scalpellino e recuperata per imbrigliare la tua acqua, ti dona un tocco di grazia; le tre vaschette del fontanile a te collegato ove tanti panni sono stati lavati con la tua acqua in esso depositata, fanno rivivere un tempo che fu, bello e di grande socializzazione; le donne lavando i panni parlavano, a volte discutevano, a volte cantavano, di tanto in tanto si raccontavano loro avventure della loro più giovane età, fatti che nutri in cuor tuo. Il selciato rifatto, da mano esperta, ai tuoi piedi, ti fa, quasi, da amorevole scarpa a tua protezione. Il rubinetto antichizzato ti da un tocco di modernità che, comunque, non ti disdice e, al tempo stesso, è di alta funzionalità, perché la tua acqua non venga sprecata nello scorrere libero, ma opportunamente presa ed usata nelle necessità.

Sei ora li, fiera di essere di nuovo, come un tempo, utile agli abitanti e viandanti occasionali della strada, sempre pronta e disponibile a dissetarli con le tue fresche acque. Anche gli uccelletti ti sono grati, nella loro ignota consapevolezza che, comunque, spesso, più volte al dì, vengo presso di te per dissetarsi. Fontanella, sei tornata ad essere un punto di riferimento ed allora, forse, con la tua nuova efficiente veste, siamo sicuri, che intendi ringraziare Marco Tilli e Giuseppe Bartoccini, con i loro collaboratori, i quali, con quasi paterna premura, impegnando il loro tempo libero, ti hanno dato questa seconda giovinezza.

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email