MONTEFIASCONE – Nella mattina di oggi il sindaco Massimo Paolini e l’assessore all’ecologia Rita Chiatti, alla presenza della stampa, hanno incontrato le alte maestranze dell’azienda Viterbo Ambiente che svolge il lavoro di raccolta dei rifiuti solidi urbani nella cittadina di Montefiascone nelle persone di Claudio Torcolacci, Emiliano Pammelati, Maurizio Mariani, Fulvio Santini e Pierluigi Tortorella.

L’incontro è stato un momento di verifica dell’operato dell’azienda sul territorio ed al tempo stesso una valutazione di come viene svolto il dovere di differenziazione da parte dei cittadini. Un lavoro che sicuramente è da ritenersi altamente positivo per la percentuale raggiunta, circa il settantacinque per cento.

Per il raggiungimento di questo traguardo che s’inserisce nella sfera alta dei risultati è stato necessario un esame dettagliato, e, certamente, è stato determinante il lavoro accurato ed attento dei cittadini che ha permesso di avere una buona qualità della differenziazione e quindi una forte riduzione dell’incidenza tra rifiuti indifferenziati e quelli differenziati. Un impegno dei singoli che si va ad identificare con la buona volontà, frutto di un comportamento virtuoso.

Al fine di raggiungere risultati più alti, che sono possibili, è necessaria, tuttavia, una maggiore sensibilizzazione dei cittadini, sensibilizzazione che potrà avvenire agendo sui ragazzi, generazione del futuro e sulla loro opera di convinzione verso la fetta della popolazione più anziana.

Montefiascone ed i diretti responsabili del settore nelle persone dell’assessore Chiatti e del sindaco Paolini, con i loro interventi di razionalizzazione, anche dei rifiuti degli speciali enti, come l’ospedale e le case di riposo, hanno fatto si che il settore indifferenziato diminuisse di molto e quindi vi è stato un positivo bilanciamento tra la quantità dei rifiuti raccolti e l’indifferenziato che è il settore più critico di tutto il servizio ed, al tempo stesso, quello che, in un certo qual modo, pesa di più, sulla gestione economica.

Una particolare attenzione è stata posta anche sulla dicitura di rifiuto indifferenziato; questa terminologia dovrà sparire dal linguaggio sui rifiuti, al suo posto dovrà entrare la terminologia: Secco Residuo. Per raggiungere alti risultati è necessaria anche una forte campagna di sensibilizzazione attraverso la comunicazione sociale volta a far meglio comprendere il valore della raccolta differenziata nel suo essere; un dovere per i cittadini, il quale, al tempo stesso, è utile a determinare la loro virtuosità.

Nei prossimi giorni, in forza dell’informazione, ci saranno alcune persone che passeranno presso tutte le abitazioni, lasceranno i nuovi depliant, faranno delle domande al fine di capire meglio le esigenze dei cittadini, cercheranno di far comprendere agli stessi l’importanza della differenziata sia sotto il profilo tecnico che economico. Solo in questo modo si potrà fare un salto di qualità nella gestione dei rifiuti; In un futuro, al fine di una migliore comprensione dei concetti, si potrà avere un vero e proprio dizionario del linguaggio ecologico nel suo insieme. In fine sono stati sottolineati i buoni rapporti, e la corretta funzionalità che durano da anni tra l’azienda Viterbo Ambiente e l’Amministrazione Comunale; ognuno recita il proprio ruolo nella trasparenza e correttezza amministrativa. Fuori dei secchietti non dovrà essere lasciato rifiuto alcuno, all’interno dei secchietti i rifiuti dovranno essere lasciati nelle apposite buste chiuse.

Per dover di cronaca è stato poi confermato che i rifiuti che vengono consegnati nel riciclaggio con una parte d’introito, che poi serve a mantenere bassa la bolletta dei cittadini, sono il ferro, la carta e cartone, la plastica, il vetro e gli imballaggi in alluminio. Tutto il resto viene conferito dietro pagamento.

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook