MONTEFIASCONE – Dopo mesi di discussioni, lettere, telefonate, come ha commentato il delegato allo sviluppo del lago, settore del comune di Montefiascone, A. Merlo, è stato fatto il primo ed importante passo concreto verso il totale ripristino della normalità lungo il lago nella zona Montedoro.

Nella tarda mattinata, sotto la vigilanza dei Carabinieri Guardia Forestale, della Polizia Locale, uno staff di tecnici della Provincia di Viterbo, del Comune di Montefiascone, il professionista M. Dei Svaldi, assistito da alcuni operai, ha provveduto al ripristino dei confini del fosso Guarducci in località Monterotondo, lungo il tratto nord del fronte lagunare.

Durante il lavoro di ricerca dei confini, sono stati piantati specifici picchetti lignei dipinti di rosso nei punti riscontrati e segnalati dalla sofisticata strumentazione.

Il professionista, con strumentazione di ultima generazione, ha eseguito le operazioni peritali con strumentazione topografica G.P.S. in modalità RTK “base roveri”, un’apparecchiatura di altissima precisione che consente l’individuazione millimetrica di un qualsiasi punto di quanto si va ricercando.

Ora le autorità competenti dovranno stilare gli opportuni verbali al fine di poter determinare chi debba intervenire e da chi dovranno essere sostenuti i relativi costi, per ripulire il fosso e ripristinare, con idonee macchine operatrici, il suo alveo, riportandolo alle dimensioni indicate dalle carte ufficiali fornite dal nuovo Catasto di Viterbo.

In una seconda operazione, che avverrà a breve, si passerà a determinare i confini della striscia di terreno demaniale che da un lato costeggia il suddetto fosso e, dall’altra, la proprietà privata.

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook