MONTEFIASCONE – Siamo al secondo giorno dopo il deragliamento del treno diretto Viterbo-Orte-Roma e gli operai delle ditta specializzata in questi lavori, stanno lavorando, a ciclo continuo, dalla mattinta di ieri, dopo che le competenti autorità legali, hanno terminato i rilievi ad autorizzato l’inizio lavori.

Gli operai, professionisti del settore e componenti delle famosa azienda, altamente specializzata in strutture ferroviarie, che opera in tutta l’Italia Centrale, stanno lavorando a cilco continuo, notte e giorno, per il rifacimento degli oltre trecento metri di binario danneggiato dal deragliamento del treno.

Le rotaie di quel tratto non hanno subito deformazioni per cui sono rimaste la loro posto, mentre le traverse, pur di ultima generazione, in cemento armato, sono state, irreparabilmente, danneggiate dal primo cerrello deviato, per cui è stata necessaria la loro sostituzione.

Un intervento non estremamente difficile ma, comunque, impegnativo che richiede tempi lunghi d’intervento ed alta professionalità logistico operativa nell’esecuzione del lavoro.

La stessa alta professionalità è stata mostrata dagli operai FS del Tronco Lavori di RFI e da quelli degli Impianti elettrici, i quali, con estrema solersia e tempestività, hanno provveduto alla messa in sicurezza delle strutture di loro competenza con adeguata segnalazione; lavori questi eseguiti anche sotto la forte pioggia del pomeriggio di ieri.

Sul fronte delle indagine, non vi sono ancora comunicazioni ufficiali, ma, da qualche voce traplelata, sembra che il tutto sia stato causato dal cattivo imbrigliamento delle acque della strada, indebitamente avviate sulla sede ferroviaria, proprietà demaniale, che non soggiace ad alcun diritto di privati e molto meno a quello dell’uso capione, nonostante qualche giudice per altro caso, che nulla a che fare con la fattispecie attuale ma, comunque, ralazionabile, negli ultimi tempi, sembra, abbia sentenziato il contrario.

Nel pomeriggio di ieri, mentre la ditta lavorava, è iniziato a piovere e, dalla strada, un fiume di acqua, sotto gli occhi di tutti tecnici e legali si riversata sulla sede ferroviaria intralciando il lavoro.

Pietro Brigliozzi

Deragliato treno diretto Viterbo-Roma via Orte

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email