Come è ormai avviene da quando la società Viterbo Ambiente ha in gestione la raccolta differenziata porta a porta del comune di Montefiascone, per cui possiamo definire l’incontro una tradizione, anche per questo anno scolastico, duemiladiciannove duemilaventi, si è tenuto l’incontro tra i Rappresentanti della Società operatrice Viterbo Ambiente ed i bambini delle scuole primarie che sono in città.

L’incontro si è tenuto presso il magnifico e storico salone Innocenzo Terzo nel complesso della Rocca dei Papi; per Viterbo Ambiente erano presenti le sig.ne Laura Marconi e Vanessa Cardenas.

Per le scuole erano presenti alcune classi di rappresentanza sia della scuola Primaria che della scuola Media.

L’incontro, condiviso ed approvato dal sindaco Massimo Paolini, al quale vanno i ringraziamenti dell’Assessore Chiatti, come ogni anno, è stato voluto, organizzato e guidato dall’assessore ai rifiuti solidi urbani Rita Chiatti, la quale nel dare questo servizio ai cittadini, sta profondendo un’efficace e costante impegno onde ottenere sempre più migliori risultati con il fine di raggiungere mete di primo piano che possano consentire, in un futuro abbastanza prossimo, fatte salve le disposizioni della Regione Lazio, un minor costo del servizio stesso.

Il tema, lanciato nell’incontro di oggi, che poi è il programma di quanto si andrà a realizzare in quest’anno, è intitolato: Operazione 007 Secco, licenza di riciclo.

Sig.na Laura Marconi quale è la sua valutazione su questi progetti che lanciate ogni anno?
Grande entusiasmo riscontrato in tutti i bambini presenti provenienti dalle varie scuole; la loro viva ed attiva partecipazione sia nell’attenzione alle varie fasi della conferenza sia nel lavoro che svolgeranno, poi, nella vita pratica di tutti i giorni. Tramite i bambini intendiamo raggiungere le famiglie ed allora si crea quella forte sinergia tra adulti e ragazzi che è la situazione ottimale per fare una raccolta veramente differenziata dei rifiuti.

Quali conclusioni ne trae e quale positività può sottolineare? 
Questa è un’attività che fa formazione, riesce  scuotere le coscienze prima dei ragazzi poi, quale logica conseguenza, anche degli adulti a loro più vicini, come famigliari ed amici. La nostra attività si rivela una buona educazione del presente ma, sicuramente, avrà una grande validità nel futuro, quando, questi ragazzi, adulti avranno una famiglia e, a loro volta, saranno educatori della generazione che genereranno. In questo momento stiamo seminando, nel futuro raccoglieremo i frutti 

Assessore Chiatti, le sue valutazioni sotto il profilo politico?
Il compito di noi politici è, e deve essere, almeno a mio modo di vedere, quello di tramite tra l’Azienda ed i cittadini con le varie istituzioni che sono sul territorio; dobbiamo favorire progetti formativi ad ampio respiro con una programmazione verso lo sviluppo della differenziazione e la crescita della medesima. Come assessore ai rifiuti solidi urbani sono attenta che si metta in campo ogni strategia che porti, sempre di più, a differenziare ed in questo senso ho già proposto d’istituire un regolamento comunale per creare ispettori ambientali permanenti che vigilino e controllino, con una certa costanza e metodicità, che tipo di differenziazione viene effettuata sul territorio e in che misura. Un obiettivo ambizioso questo ma raggiungibile.

Pietro Brigliozzi