MONTEFIASCONE – In questi giorni, a firma della Procura della Repubblica – Tribunale di Viterbo, i Carabinieri Forestali, unica forza di polizia che sembra ben vigilare su come vanno avanti alcuni cantieri edili in Montefiascone, ha apposto un altro cartello di sequestro sulla recinzione di un cantiere edile che si trova nella meravigliosa zona residenziale della Bertina che si affaccia sulla Valle Perlata e quindi sul lago di Bolsena.

Non se ne conoscono i motivi, ne siamo interessati più tanto a saperlo.

Da informazioni sommarie, comunque attendibili, prima siamo riusciti a sapere che il cantiere è della stessa ditta che tempo fa aveva subito altro sequestro, in altra zona, sempre nel territorio di Montefiascone; poi, che la lincenza edilizia è stata rilasciata dalla stessa Commissione edilizia, ed anche il progettista, sembra, sia il medesimo, mentre il committente dell’opera è persona diversa.

A questo punto, scaturiscono una serie d’interrogativi che hanno allarmato esperti e istituzioni locali.

Curioso che a Montefiascone non sia la Polizia Locale, delegata al controllo di queste attività, a verificare come si realizzano i lavori nel rispetto delle licenze edilizie.

Il Sindaco, massima ed unica autorità della città, è informato di queste cose?

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email