Questa volta a richiamare la nostra attenzione sono i resti di una panchina distrutta da ignoti cittadini che, comunque dimostrano di avere poco senso civico e del rispetto della cosa pubblica. A questo mancato rispetto della strutture pubbliche, che dovrebbero costituire l’ornato della città, fa eco, un Amministrazione poco sensibile che lascia molto correre sull’ornato della città.

Qualche giorno fa, causa le pietre sconnesse di P.zza Vittorio Emanuele, una signora è inciampata e caduta provocandosi una vistosa ferita sotto il mento per cui è dovuta ricorrere alle cure dei sanitari. Da diversi giorni, su Piazzale Roma, vi sono i resti di una panchina distrutta; resti pericolosissimi, malmessi, costituiti dalla seduta fatta con una grata di ferro ed i supporti cementizi che la sostenevano; un bambino, nella giornata di eri l’altro, solo per l’accortezza di alcune persone adulte presenti, che lo hanno avvisato e protetto, non vi è finito sopra.

Per non parlare poi sia del blasonato del Corso principale, diverse pietre del quale, in più punti, dimostrano instabilità e logorio, sia della strada che porta al meraviglioso storico sito archeologico costituito dalla  Rocca dei Papi, nei pressi del quale si trova anche l’enoteca provinciale per cui la strada è molto frequentata e lo sarà molto più nell’ormai imminente mese di agosto, allorchè, presso i saloni della Rocca, verrà realizzata la Mostra dell’Antiquariato.

Se da una parte è vero che il transitare delle auto per queste vie e le varie condizioni atmosferiche favoriscono la disconnessione del blasonato, di contro, è pur vero che il competente Assessorato, all’ornato della città, dell’Amministrazione Paolini, come già sottolineato in altro articolo apparso molto tempo fa su questa nostra testata, non è che sia così attento e presti adeguata cura, con una efficace e tempestiva manutenzione della varie criticità che, di tanto in tanto, si vengono a creare per queste importanti vie del delizioso centro storico.

 

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook