MONTEFIASCONE – Il termine dello scrutinio della votazione per il nuovo Senato della Repubblica e Camera dei Deputati, nella tarda notte di ieri, ha fatto emergere molte meraviglie, più o meno scontate tra i cittadini della storica città di Montefiascone.

Eclatante la notizia della non riuscita dell’On. Giuseppe Fioroni alla Camera dei Deputati e di Alessandro Mazzoli al Senato della Repubblica e gravitante, quest’ultimo, nella corrente del più blasonato Fioroni; l’esclusione dei quali, non era nell’aria ne del tutto data per scontata.

E’ stata un po una sorpresa, anche se, qualche timido segnale di natura socio-politico, faceva sorgere qualche dubbio sulla loro riuscita. La mancata riuscita del consigliere locale Fabio Notazio nella lista di Forza Italia, ha lasciato perplessi, anche se, ad onor del vero, erano in molti a credere nella sua non riuscita; il tutto aggravato dall’ indietreggiamento della stessa forza politica come percentuale di suffragi ricevuti. I cittadini apprendono, con parziale soddisfazione, il buon senso di F. Notazio, per aver, comunque e nonostante tutto, ringraziato tutti per il voto assegnatogli e questo, sicuramente, gli fa onore.

I cittadini di Montefiascone, hanno tenuto fede alla loro tradizione; sono andati a votare in buon numero, allineandosi alla media nazionale, avendo fatto registrare una presenza totale intorno al settantasette per cento.

Va altresì rilevato che, anche il numero delle schede che presentavano delle irregolarità, nella globalità dei seggi, è stato piuttosto elevato, considerando che vi sono state centoottantuno bianche, centonovanta nulle e diciassette diversamente contestate.

Ora tutta l’attenzione è rivolta allo spoglio delle schede per il rinnovo del Consiglio Regionale della Regione Lazio nel quale è coinvolto, quale candidato, l’altro cittadino locale M. Ceccarelli, al quale va il nostro augurale in bocca al lupo; risultati che, sicuramente, si potranno sapere, in termini più precisi ed in modo definitivo, soltanto nella prima serata.

Pietro Brigliozzi

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email