NEPI – Grande successo per il tenore nepesino Roberto Cresca in Ucraina. La serata del 12 marzo ha visto l’Italia protagonista nel teatro della Filarmonica di Stato di Červinci. Una sala gremita e festante ha assistito ad un concerto con due eccellenze italiane nel mondo: il pianista Gianfranco Pappalardo fiumara ed il tenore Roberto Cresca.

 

La prima parte del concerto è stata dedicata al difficilissimo concerto in do maggiore di Beethoven per pianoforte e orchestra dove il pianista Pappalardo, accompagnato dall’orchestra Filarmonica diretta da Yosyp Zozansky, ha esaltato la più vasta gamma espressiva del capolavoro del primo giovane Beethoven. Tocco nobile, espressività sensibile e delicata ma anche trionfale ed eroica nei giusti passaggi, come richiesto da Beethoven stesso nel comporre questo concerto imponente, hanno caratterizzato l’esecuzione da parte del pianista italiano che ha avuto ben quattro chiamate sul palco alla fine e richieste di bis gentilmente concessi ad un pubblico entusiasta. Nella seconda parte protagonista assoluto è stato il bel canto.

 

Ambasciatore della cultura italiana ormai da diversi anni il tenore di Nepi: Roberto Cresca. Iniziando con una appassionata esecuzione dell’aria “e lucevan le stelle” dalla Tosca di Puccini, che fin da subito ha catturato il pubblico ucraino, passando per il primo Verdi della Luisa Miller, il programma della serata ha fatto echeggiare nel teatro di Červinci anche melodie internazionali come “Dein ist mein ganzes Herz” di Lehar, Granada di Lara e “o sole mio” di Capurro/Di Capua. Alla fine ben due standing ovation sono state tributate al tenore della Tuscia che commosso da tanto entusiasmo nei suoi confronti ha rivolto un saluto in lingua Ucraina al pubblico dimostrando gratitudine per un’accoglienza così calorosa. Ancora una volta la grande cultura italiana viene portata ai massimi livelli all’estero dove riceve larghi consensi grazie ad artisti che rendono grande il nostro paese.

 

Commenta con il tuo account Facebook
Print Friendly, PDF & Email