Dieci le classi coinvolte nel percorso formativo, in cui ai bambini sarà insegnato a giocare con la musica e il linguaggio per migliorare le abilità cognitive e l’apprendimento

Lo dice la scienza: far giocare i bambini molto piccoli al ritmo della musica, realizzando una forma iniziale di educazione musicale, stimola l’attività cerebrale e migliora le capacità di apprendimento del linguaggio. È questo uno degli obiettivi del progetto “In Crescendo 2021” – ideato da CLIVIS APS e finanziato dall’Assessorato alle Politiche Sociali della Regione Lazio – che ha l’obiettivo principale diperseguire l’obiettivo 4 dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile dell’ONU in termini di educazione di qualità, equa ed inclusiva e opportunità di apprendimento per tutti.

Nello specifico, il Progetto vede la partecipazione dell’Istituto Comprensivo “Alessandro Stradella” di Nepi (Viterbo), in cui sono stati attivati dei laboratori musicali rispettivamente per la scuola dell’infanzia e la scuola primaria. Da martedì 3 maggio e fino alla fine dell’anno scolastico, saranno avviati i laboratori musicali rivolti a dieci classi dei plessi di Nepi e Castel Sant’Elia, realizzati in collaborazione con la Scuola Musicale Comunale di Nepi.

Abbiamo in programma un percorso formativo parallelo ai programmi “Nati per Leggere” e “Nati per la Musica”, entrambi concepiti nell’ambito delle iniziative dell’Associazione Culturale Pediatri a sostegno alla genitorialità – spiega Salvatore Di Russo, coordinatore di In Crescendo 2021 – Il programma “Nati per leggere” è stato promosso in collaborazione con l’Associazione Italiana Biblioteche e il Centro per la Salute del Bambino, con l’intento di “promuovere la lettura ad alta voce” ed è rivolta ai bambini di età compresa tra i 6 mesi e i 6 anni. Sulla stessa scia, “Nati per la Musica” si propone invece di sostenere attività che mirino ad accostare precocemente il bambino al mondo dei suoni e alla musica. Suono e linguaggio infatti sono molto simili, hanno in comune la musicalità, il ritmo che ci aiuta a capire quello che qualcuno sta dicendo e in che modo: questo aiuta i bambini non solo ad utilizzare il linguaggio ma soprattutto a imparare”.

A conclusione del percorso formativo, le classi metteranno in scena una performance musicale con la partecipazione delle bande musicali dei Comuni di Nepi e Sant’Elia.

Forte della sua vocazione sociale, “In Crescendo 2021” si propone di offrire opportunità di apprendimento permanente per tutti, al fine di ridurre le ineguaglianze, attraverso una serie di iniziative che vedono la scuola come una comunità attiva, aperta al territorio e in grado di sviluppare e aumentare l’interazione tra i cittadini. Il progetto è realizzato in collaborazione con: Comune di Nepi, Comune di Castel Sant’Elia, LOGOS P.A.F., Banda Musicale di Castel Sant’Elia, Scuola di Musica Comunale di Nepi, Dreaming Production, Cooperativa Semaforo Blu, METODO BAPNE ITALIA APS, Centro per la Salute del Bambino, Nati per Leggere e Nati per la Musica, Associazione Italiana Biblioteche, Associazione Culturale Pediatri.

Articolo precedenteForza Italia Viterbo: “Noi ancorati nel centrodestra. Chi ha scelto altre strade, unendosi alla sinistra, lo ha fatto a titolo personale”
Articolo successivo “Io Apro-Rinascimento” Viterbo per Vittorio Sgarbi ha debuttato in piazza tra i viterbesi