Vejano, piccolo comune della provincia di Viterbo, ormai da 20 anni propone la rievocazione la magia della nascita di Gesù attraverso un grande Presepe vivente.

Tutto ha avuto inizio nel 2001 con la prima rappresentazione,avente come veri protagonisti gli alunni della Scuola dell’infanzia e di alcune classi della Scuola primaria.

Da allora il Presepe Vivente diventa testimonianza a cui partecipa tutta la cittadinanza: tra i 200 e i 300 figuranti animano le tortuose e scenografiche stradine e piazzette del Borgo medioevale, in un percorso lungo circa 800 metri pavimentato di antiche pietre locali e illuminato dalla flebile luce delle fiaccole, torce e fuochi. Tanti gli scorci di vita quotidiana a Betlemme, animali da cortile e di fattoria, artigiani di ogni tipo: vasai, pittori, scultori, filatrici, tintori, tessitori, distillatori, mercanti, fabbri, falegnami,ricamatrici, locandieri, arrotini, ciabattini, cestai, taglialegna, fornai, pastori, mendicanti; scriba, fedeli in preghiera, veggenti,speziali, imbalsamatori e tanti altri personaggi in attività e antichi mestieri, nonché popolani impegnati in attività di vita quotidiana,oltre alla possibilità di piccole degustazioni enogastronomichequali focaccine calde, ricotta, formaggi, vino caldo e speziato.

Le musiche di sottofondo, dal carattere medio-orientale, contribuiscono a rendere il percorso maggiormente suggestivo, e non mancano topodella Roma Imperiale: l’accampamento dei soldati romani; il palazzo del console romano; le terme romane; le prigioni romane; l’arena con i gladiatori in combattimento, l’imponente Reggia del Re Erode.

Il culmine si raggiunge nella Grotta della Natività, in cui una giovane famiglia con un neonato si scalda al fiato di un vero bue e di un vero asinello.

Vejano con la messa in scena del Presepe esprime un esempio di collaborazione solidale e di sana aggregazione, che molto spesso nella frenetica vita odierna vengono a mancare: la partecipazione attiva di tantissime famiglie al Progetto comunitario fornisce ai bambini ed ai ragazzi un forte stimolo di alto spessore educativo e morale.

Vi aspettiamo – scrive l’Amministrazione Comunale di Vejano – per la messa in scena del 6 gennaio: gli addetti della Proloco saranno disponibili per fornire tutte le informazioni ai visitatori, e grazie alla collaborazione dell’associazione Veiano.it, sarà possibile assaggiare la famosa Pizza a Fiamma, cotta nel forno a legna, che ha ottenuto la denominazione di prodotto tipico regionale, vedi elenco annualmente redatto su Gazzetta Ufficiale delle Repubblica.

                                                                                                                     

Articolo precedenteMaremma Tosco Laziale, scadono gli sconti per gli abbonamenti
Articolo successivoIL QUARTO INCOMODO