Il Centro per il Libro e la Lettura (Cepell) – Istituto autonomo del Ministero dei Beni Culturali e delle Attività Culturali e del Turismo, ha conferito al Comune di Capranica, per la prima volta, la qualifica di “Città che legge” per il biennio 2022-2023.

Dalla lettura dipendono lo sviluppo intellettuale, sociale ed economico delle comunità: è con questa consapevolezza che il Centro per il libro e la lettura, d’intesa con l’ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani, ha deciso, attraverso la qualifica di Città che legge, di promuovere e valorizzare quelle amministrazioni comunali impegnate a svolgere con continuità sul proprio territorio politiche pubbliche di promozione della lettura.

L’intento è riconoscere e sostenere la crescita socio-culturale attraverso la diffusione della lettura come valore riconosciuto e condiviso, in grado di influenzare positivamente la qualità della vita individuale e collettiva.

Una Città che legge garantisce ai suoi abitanti l’accesso ai libri e alla lettura – attraverso biblioteche e librerie – ospita festival, rassegne o fiere che mobilitano i lettori e incuriosiscono i non lettori, partecipa a iniziative congiunte di promozione della lettura tra biblioteche, scuole, librerie e associazioni e aderisce a uno o più dei progetti nazionali del Centro per il libro e la lettura (Libriamoci, Maggio dei libri), si impegna a promuovere la lettura con continuità anche attraverso la stipula di un Patto per la lettura.

La Giunta Comunale di Capranica, con deliberazione n. 96 del 27.07.2022, ha approvato il Patto di Capranica per la lettura, che prevede la collaborazione tra enti pubblici, istituzioni scolastiche, associazioni e soggetti privati per realizzare pratiche condivise di collaborazione in tutte le sue forme.

Il Sindaco Pietro Nocchi ha annunciato la notizia specificando che si tratta di: “Un riconoscimento del quale siamo molto orgogliosi, e che premia un lavoro territoriale sulla promozione della lettura fatto con passione e impegno dal nostro personale dipendente, dalle ragazze della biblioteca Jessica e Vanessa e dal gruppo del Servizio Civile Universale.”

Articolo precedenteRonciglione, RIFIUTOUR: parte il viaggio alla scoperta del riciclo
Articolo successivoMontalto di Castro, lavori di sfalcio vegetazione in Piazzale della Stazione Ferroviaria