Fondi PNRR, equità sociale e progressività fiscale con particolare attenzione alle fasce economicamente più deboli, occupazione stabile e di qualità e sviluppo sostenibile della città. Questi i principali ambiti su cui verte il protocollo di relazioni sottoscritto questa mattina a Palazzo dei Priori dalla sindaca Chiara Frontini e dai vertici provinciali dei sindacati confederali Cigl, Cisl e Uil Stefania Pomante, Fortunato Mannino e Giancarlo Turchetti. “Abbiamo messo nero su bianco quello che avevamo concordato un mese fa, durante il precedente incontro – ha spiegato la sindaca Chiara Frontini -. Una serie di proposte formulate dai sindacati che il Comune ha accolto e condiviso. È imprescindibile per una buona amministrazione creare e consolidare delle partnership territoriali, soprattutto in ambiti delicati e complessi come quelli che abbiamo richiamato all’interno del protocollo. Tra questi, nello specifico, andremo a chiedere ai sindacati confederali supporto e condivisione di comunicazioni e informazioni riguardanti i progetti finanziati con i fondi PNRR che interesseranno la nostra città”. Soddisfazione unanime è stata espressa dai rappresentanti sindacali per la rapida sottoscrizione dell’importante documento. “Il Comune di Viterbo ha un ruolo di particolare rilevanza per la collettività – sottolineano Pomante, Mannino e Turchetti – le politiche delle amministrazioni incidono sempre di più sulle condizioni e sulla qualità della vita dei cittadini, sull’esigibilità dei diritti sociali e sullo sviluppo economico e produttivo dei sistemi locali. Questo protocollo ci consente di collaborare su diverse tematiche e monitorare l’andamento di progetti e interventi in numerosi ambiti. Nel rispetto delle diverse competenze porteremo avanti un rapporto basato su un permanente dialogo e su un periodico e costante confronto. Ringraziamo la sindaca Frontini che fin da subito ha colto l’importanza di questo documento”.

Tra gli altri ambiti di collaborazione contemplati nell’accordo, il recupero e la valorizzazione del centro storico, la valorizzazione delle aree produttive, con particolare attenzione alle aree del Poggino, Ciprovit e Acquarossa, sviluppo e valorizzazione ex Terme Inps e di tutto il patrimonio termale locale, sicurezza e salute sul lavoro, la collaborazione tra polo universitario, rappresentanze confederali del mondo del lavoro e tessuto produttivo locale e altre importanti tematiche di carattere sociale.

Presente all’odierna sottoscrizione del protocollo il segretario generale del Comune di Viterbo Annalisa Puopolo. L’accordo avrà una durata biennale, rinnovabile.

Articolo precedentePaolocci (Usb Viterbo): “Il caporalato che c’è”
Articolo successivoSezione AISM di Viterbo ha celebrato i 25 anni della sua costituzione