“Emanuele Aronne è un Amministratore che ha deliberatamente e volontariamente deciso di ridurre il proprio compenso, azione etica e non dovuta. Ciò ha permesso all’Ente, facendolo risparmiare, di potersi dotare di una unità di staff esterna in un Comune dove il personale, lo sappiamo bene, è numericamente carente e non sempre riesce a far fronte, nonostante la professionalità dimostrata, alle tante richieste quotidiane.

Non solo: è doveroso evidenziare come l’Assessore Aronne sia un professionista capace ed instancabile; la sua onestà professionale ed intellettuale ed il suo impegno per la città, che lo hanno portato frequentemente nei weekend e fino a notte inoltrata a lavorare, non meritano di essere inquinati. Capitalizzando la sua professionalità, in particolare nell’attività estremamente delicata e complicata di coordinare e mettere ordine alle progettualità sul PNRR trovate abbandonate e prive di consequenzialità, sta fornendo un contributo essenziale alla rinascita della nostra Viterbo,  supportando gli altri componenti della squadra anche in attività che non sono strettamente attinenti alle sue deleghe.

Per questo, la Sindaca, l’intera Giunta e tutti i Consiglieri Comunali di maggioranza si stringono intorno all’Assessore Emanuele Aronne e fanno quadrato nel condannare i metodi adoperati dall’opposizione, utilizzando accuse strumentali.

L’utilizzo della oramai purtroppo nota “macchina del fango” rappresenta un metodo da “ultima spiaggia”, l’unico modo di chi, non essendo riuscito ad adempiere con successo ai propri compiti, delegittimato da un chiaro e completo consenso popolare, non ha la volontà di cambiare ma mira a schiacciare gli altri. Fermarla, utilizzando le parole di un noto giornalista e scrittore, “…equivale difendersi da un acido corrosivo”!

Ma appare impossibile, per chi ha nel cuore la città e vuole esclusivamente spendere ogni sua energia per il suo bene e di quello dei suoi cittadini, rispondere con lo stesso metodo senza avere la consapevolezza di poter essere battuti per esperienza sulla materia.

Pertanto, sempre più determinati ad ascoltare la  volontà e le necessità di una città trovata allo sbando piuttosto che dare voce ulteriore a chi ha necessità di dimostrare, ognuno ai propri “vertici”, il proprio operato, confermiamo con compattezza la nostra solidarietà all’Assessore e amico Emanuele Aronne, e rispediamo nettamente al mittente tutte le strumentali illazioni che non vanno a vantaggio di Viterbo ma esclusivamente di chi ha l’interesse di avvelenare i pozzi del dibattito politico cittadino”.

Così comunicano:

Chiara Frontini                                                          

Elena Angiani

Alfonso Antoniozzi

Marco Bruzziches

Francesco Buzzi

Letizia Chiatti

Marco Ciorba

Alessandra Croci

Maria Rita De Alexandris

Umberto Di Fusco

Stefano Floris

Silvio Franco

Rosanna Giliberto

Luigi Gioiosi

Eros Marinetti

Giancarlo Martinengo

Paolo Moricoli

Patrizia Notaristefano

Marco Nunzi

Simone Onofri

Melania Perazzini

Francesca Pietrangeli

Ugo Poggi

Alessandra Purchiaroni

Daniele Rossi

Katia Scardozzi

Federico Tonnicchi

Articolo precedenteSomigli (UIL Scuola): “Violenza sulle donne, serve un salto culturale”
Articolo successivoTuscia Art Lab, concorso di scrittura creativa nell’ambito della manifestazione Natale alla Corte di Donna Olimpia