Onano festeggia S. Antonio grazie ad un comitato che si rinnova ogni anno, con l’accensione del fuoco a mezzanotte del 16 e poi nella mattinata c’è la possibilità di mangiare con svariati tipi di carne cucinate in piazza Pio XII e altro.

Qualche gioco prima di pranzo. Una festa che riunisce anche gli Onanesi che abitano fuori in Toscana o a Roma e rientrano per vivere una giornata “insieme” all’insegna del cibo, dei carri di Carnevale che sfilano nel pomeriggio e non può mancare il carro di S. Antonio.

Il programma prevede la benedizione agli animali alle ore 10 da parte del parroco don Gianluca Scrimieri e la S. Messa alle ore 11.00 nella Chiesa di S. Maria.

Commenta con il tuo account Facebook