Il cicloraduno per sostenere la ricerca sulla distrofia muscolare di Duchenne e Becker

Si svolgerà domenica 16 ottobre ad Oriolo Romano (VT) la terza edizione del Bruschetta Tour, il cicloraduno conviviale organizzato da Team Parent Project asd a sostegno di Parent Project aps, associazione di pazienti e genitori di figli con distrofia muscolare di Duchenne e Becker.

L’iniziativa comprende due percorsi, adatti a qualsiasi tipo di bicicletta off-road – mountain bike, gravel e E-Mtb – alla scoperta del Parco Naturale Regionale di Bracciano e Martignano. L’accoglienza dei partecipanti inizierà dalle 7 e le partenze sono previste in due blocchi, alle 9 e alle 9.15.

In programma c’è anche una passeggiata ecologica di 5 km, con partenza alle 10.

Ad attendere i partecipanti diversi punti ristoro lungo il percorso e al termine della pedalata, dalle ore 12, un ricco pasta party con musica, birra e stand gastronomici. Alle 14 seguiranno le premiazioni.

La quota di adesione è di 25€ per tutti gli iscritti dal 3 al 14 ottobre (Pacco gara Silver),

30€ per tutti gli iscritti i giorni 15 e 16 ottobre 2022 (Pacco gara Bronze).

Tutte le informazioni e il link per l’iscrizione sono disponibili sul sito https://www.bruschettatour.it/. Potete seguire l’evento anche su Facebook, sulla pagina Bruschetta Tour – Cicloraduno Off Road.

La distrofia muscolare di Duchenne (DMD) colpisce 1 su 5.000 neonati maschi. È la forma più grave delle distrofie muscolari, si manifesta nella prima infanzia e causa una progressiva degenerazione dei muscoli, conducendo, nel corso dell’adolescenza, ad una condizione di disabilità sempre più severa. Al momento, non esiste una cura. La ricerca e il trattamento da parte di un’équipe multidisciplinare hanno permesso di migliorare le condizioni generali e l’aspettativa di vita dei ragazzi.

Parent Project aps è un’associazione di pazienti e genitori con figli affetti da distrofia muscolare di Duchenne e Becker, grave malattia rara e degenerativa. Dal 1996 lavora per migliorare il trattamento, la qualità della vita e le prospettive a lungo termine di bambini e ragazzi attraverso la ricerca, l’educazione, la formazione e la sensibilizzazione. Gli obiettivi di fondo che hanno fatto crescere l’associazione fino ad oggi sono quelli di affiancare e sostenere le famiglie dei bambini che convivono con queste patologie attraverso una rete di Centri Ascolto, promuovere e finanziare la ricerca scientifica al riguardo e sviluppare un network collaborativo in grado di condividere e diffondere informazioni chiave. Per info: www.parentproject.it

Articolo precedentePolizia di Stato arresta pregiudicato 45enne viterbese per spaccio di droga
Articolo successivoRegione Lazio, 75mila euro per formare la Polizia Locale del Lazio