In riferimento all’articolo Code e disagi all’ufficio postale di Oriolo Romano, il Consigliere Caropreso scrive alla direzione provinciale”, Poste Italiane precisa che “le attività di tutti gli uffici postali sono attentamente monitorate al fine di intervenire tempestivamente laddove gli standard di qualità non siano conformi con i parametri aziendali e con le attese della clientela.

Nello specifico dell’operatività dell’ufficio di Oriolo, l’attuale offerta risulta adeguata per garantire un servizio alla clientela conforme ai previsti standard di qualità aziendali. Tuttavia, dalle verifiche effettuate, risultano effettivamente essersi verificati degli scostamenti rispetto ai normali tempi medi di attesa che però hanno riguardato situazioni particolari ed episodiche, come ad esempio nelle prime giornate del mese in cui sono in pagamento le pensioni.

L’Azienda si scusa con i cittadini per i disagi occorsi nelle occasioni in cui le tempistiche non sono state completamente in linea con i livelli di qualità attesa.

Riguardo l’ATM Postamat, l’Azienda comunica che il dispositivo è funzionante con continuità. Unica eccezione in questi ultimi mesi il guasto che ha determinato l’interruzione dell’operatività lo scorso 3 ottobre, peraltro prontamente risolto con il ripristino della disponibilità già nel corso della giornata successiva all’intervento di manutenzione.

I dati estrapolati dai sistemi informatici, peraltro, dimostrano come la clientela di Oriolo abbia costantemente utilizzato l’ATM Postamat non solo per le operazioni di prelievo di denaro contante ma anche per il pagamento di bollettini di conto corrente premarcati, per le ricariche telefoniche e delle carte Postepay e per le operazioni informative quali l’estratto conto, il saldo e la lista movimenti.

A questo proposito, si coglie l’occasione per ricordare come moltissimi dei servizi tradizionali offerti tradizionalmente a sportello possono comunque essere effettuati in modo semplice senza recarsi presso l’ufficio postale utilizzando la molteplicità di canali supplementari che l’Azienda mette a disposizione come le App gratuite PosteID, Bancoposta, Postepay e il sito www.poste.it“.

Articolo precedenteBenvenuti alla “scuola villaggio”: il “Campus delle aquile reali” apre le porte
Articolo successivoAmici a 4 Zampe, Buzzi: “Al lavoro per nuove iniziative prima di Natale”