Il 1 Dicembre, alle ore 16 si è tenuto presso la sala consigliare del Comune di Orte, il Tavolo dello Sviluppo, organizzato dal Comune di Orte e Progetto Sviluppo Etruria – Tuscia con le Associazioni di categoria, la Provincia di Viterbo e la Regione Lazio, dal titolo: “ Orte,porta per lo Sviluppo della Tuscia, tra la Teverina ed i Cimini “.

Come ormai è consuetudine per il Tavolo dello Sviluppo,la moderatrice è stata la brava ed esperta giornalista Rai, Paola Pucciatti, ( Uno Mattina, Linea Verde ecc.) ed il coordinamento è stato affidato a Progetto Sviluppo Etruria – Tuscia , nella persona del direttore Mauro Belli.

L’ Amministrazione Comunale è intervenuta con : il Sindaco Dino Primieri, la Vice Sindaco Antonella Claudiani, l’ Ass. ai servizi sociali e sviluppo economico Ida Maria Stella Fuselli (organizzatrice del convegno per il Comune di Orte), l’ Ass. alla Cultura-Turismo e Sport Filippo Gianfermo e Walter Liberti, enunciando le progettazioni ed i finanziamenti ottenuti con il PNRR.

Per le Associazioni di Categoria sono intervenuti i presidenti e delegati di: ADOC, Mauro Belli ed il Vice Presidente Aldo Bellocchi ; Assonautica-Euro Mediterranea, Stefano Signori ; Assoturismo – Confesercenti, Vincenzo Peparello; Coldiretti, Mauro Pacifici ; Federalberghi, Marina Pea.

Presenti anche l’ Università della Tuscia con il Prof. Riccardo Massantini,il Comitato per la Ferrovia Orte-Capranica-Civitavecchia con il Presidente Raimondo Chiricozzi e l’ Ing. Maurizio Mizzoni, l’ Ente Sagra della Castagne di Soriano nel Cimino con il Presidente Antonio Tempesta, la rete di imprese Conosci Soriano, con il Presidente, Marcello Santini, la Fabi con il segr. Paolo Capotosti , la Cantina Le Lase con Ceccarelli Benedetta e Tele Radio Orte con Marco Nicoletti che ha ripreso l’ intero convegno.

Nel dibattito in cui sono intervenuti tutti i presenti per ben due volte ognuno,interloquendo anche tra loro,si e’ messa in evidenza l’ importanza di Orte come porta, non solo per la Tuscia, ma anche per l’ Umbria.

La posizione geografica,il casello autostradale dell’ A1,la stazione ferroviaria sulla linea piu’ importante d’ Italia ,ossia la Napoli-Roma-Milano e la superstrada Viterbo, (Civitavecchia) ,Terni,Perugia,Cesena; i centinaia di migliaia di automobilisti, viaggiatori dei treni, i tanti turisti, che vi passano per raggiungere anche altre localita’ della Tuscia , dell’ Umbria e dell’ Italia, hanno reso molto conosciuta la citta’ di Orte.

Ora,la scommessa è che Orte, essendone la “ Porta della Tuscia”,riesca a sviluppare ancora di più turisticamente e commercialmente sia se stessa,valorizzando le proprie eccellenze (Borgo, Sotterranea ,Porto Romano di Seripola, ,3 musei, 7 Palazzi Storici, 10 tra Basiliche – Santuari-Conventi-Monasteri, ecc.) che la Tuscia iniziando dai territori limitrofi della Teverina e dei Cimini, guardando anche a sinergie con l’ Umbria e non solo.

Nei vari interventi molte le idee e bozze programmatiche esplicitate per progetti incompiuti da riprendere e altri da realizzare ed azioni e attività da svolgere,come:

Tutelare il Made in Italy ed il Marchio Tuscia, per i prodotti tipici, , difendendo il territorio dal fotovoltaico sui terreni e dalle scorie radioattive. (Mauro Pacifici)

Potenziare le azioni del contratto di fiume del Tevere e del porto Romano di Seripola (Signori Stefano)

Utilizzare il marketing territoriale per creare sviluppo con le reti di Imprese, le DMO, i Sistemi Turistici Locali e la digitalizzazione. (Vincenzo Peparello)

Piu’ sinergia tra enti, imprese, associazioni per accrescere la comunicazione,la cultura del turismo e del fare impresa innovativa .( Marina Pea )

Promuovere gemellaggi e scambi enogastronomici e territoriali con altre regioni, come il Trentino e dare supporto ai progetti con i vari dipartimenti, docenti e ricercatori dell’ Universita’ della Tuscia . (Prof Riccardo Massantini)

Qualità dell’ accoglienza,dei prodotti tipici e dei servizi turistici per attrarre più consumatori-visitatori- turisti . (Aldo Bellocchi)

Riattivare la Ferrovia Orte-Capranica-Civitavecchia, volano di sviluppo commerciale- turistico per una mobilità migliore per il Centro Italia( Raimondo Chiricozzi Ing. Maurizio Mizzoni)

Al fine degli interventi, su invito della giornalista Rai Paola Pucciatti, tutti gli Amministratori presenti ed il Sindaco si sono dichiarati soddisfatti delle proposte, azioni, attività e progetti possibili da fare, sia in ambito PNRR che con finanziamenti Regionali e Ministeriali.

Nell’ intervento di chiusura, Mauro Belli come coordinatore, ha proposto,con l’ approvazione di tutti i presenti, di istituire il Centro Sviluppo Orte.

Tale centro si avvarrà del network dei progettisti,esperti PNRR ,ingegneri, architetti, project manager, amministrativi,specialisti, dirigenti e docenti delle Università e delle Associazioni di categoria, per lavorare insieme al Comune e agli altri Enti, Provincia, Regione e Ministeri, per lo sviluppo di Orte,della Tuscia e dell’ Umbria.

Questo ci chiede con urgenza il Governo e l’ Unione Europea, per partecipare ai tanti bandi per finanziamenti pubblico-privati che stanno uscendo.

Un occasione unica ed irrepetibile da cogliere, facendo squadra, per innovare la nostra bella Tuscia e l’ Italia.

Articolo precedenteLa scuola Sottufficiali consegna il ricavato della ‘Straviterbo 2022’
Articolo successivoIV edizione del contest “Se io fossi Babbo Natale”, il contest che promuove l’altruismo