Giulio Menegali Zelli Iacobuzi

VETRALLA – “L’apprendistato dell’armata Coppari lo stanno pagando e lo pagheranno a caro prezzo i Vetrallesi. Questa è l’unica risposta possibile al Sindaco di Vetralla, che in un’intervista rilasciata ad un quotidiano online millanta un deciso cambio di rotta, invisibile invece ad ogni cittadino dotato di buon senso. Risulta doveroso e opportuno evidenziare le numerose imprecisioni presenti nelle parole di Coppari. Il Sindaco individua tre obiettivi raggiunti dalla sua compagine, ma dimentica di ringraziare i veri artefici: ovvero i componenti della precedente amministrazione.

E’ stata infatti l’amministrazione Aquilani, attraverso una lunga trattativa all’interno dell’Ato e con Talete, a portare a Vetralla il più alto numero di dearsenificatori per un Comune di
relativa fascia, che hanno permesso in tempi ragionevoli di abbassare i livelli di sostanze nocive.

I lavori compiuti da Astral sulla Cassia sono il frutto di un’abile manovra con la quale la precedente amministrazione ha restituito la competenza della manutenzione di lunghi tratti alla Regione. E’ quest’ultima che sta effettuando i lavori sul manto stradale, non certo l’amministrazione. I 400 mila euro investiti sono invece frutto di un grave sforamento del patto di stabilità comunale, questo si foriero di future criticità e debiti per le amministrazioni future.

Sulle scuole si raggiunge poi il parossismo: nessuna amministrazione ha investito come la passata sull’edilizia scolastica… e sui fondi per la Scriattoli che la Regione si è “impegnata ad impegnare” -sic!- attendiamo di vederne l’esito. Anche il progetto di riapertura
della mensa è un bando licenziato dalla precedente amministrazione. Risulta poi quasi risibile per chi abbia un po’ di conoscenza dei meccanismi amministrativi, quanto Coppari afferma sulle risorse incamerate e già spese. Con la farmacia comunale l’amministrazione precedente ha ottenuto di riaprire il servizio alla cittadinanza, mettendo ordine in una situazione ingarbugliata e affidando dove necessario l’approfondimento delle responsabilità agli organi competenti. Lo stesso dicasi per la pratica di esproprio per la trasversale Orte-Civitavecchia. E per informazione del Sindaco: senza le risorse provenienti da
quell’esproprio non sarebbe stata possibile la riapertura di via del Cimitero Vecchio.

L’amministrazione Aquilani ha semplicemente iscritto a bilancio entrate certe, non gli “impegni” di spesa che sbandiera l’amministrazione Coppari. Altri brillanti risultati riguardano i servizi sociali e il bando rifiuti. Vantare come risultato una selezione per il personale esterno che, unico caso in Italia, si è svolta a porte chiuse e che
prevedibilmente esporrà il Comune di Vetralla a risvolti di natura legale, è una dimostrazione di vera incoscienza amministrativa. Riguardo al bando rifiuti ormai la cittadinanza ha compreso l’enorme cantonata presa dall’amministrazione Coppari. L’amministrazione comunale di Vetralla ha emesso un provvedimento di revoca senza adeguata valutazione dei documenti e abusando delle sue facoltà. Questo, per chi non lo
ricordi o finge di non ricordarlo, è il sonoro ceffone dato dal TAR ad un’amministrazione supponente e incompetente, che sul tema della raccolta rifiuti ha fatto perdere al paese un ulteriore anno. Gli unici, modesti risultati ottenuti dall’amministrazione si devono ad un feeling ritrovato tra Comune e Regione Lazio, che hanno esposto il Sindaco e la componente civica della maggioranza a vari ultimatum e sudditanza politica nei confronti del PD, con il risultato di uscite scriteriate come quelle sul dimensionamento
scolastico, che sta avviando Vetralla a diventare una cittadina di serie B nel panorama scolastico provinciale”.

Giulio Menegali Zelli Iacobuzi
Consigliere Comunale di Vetralla

Commenta con il tuo account Facebook